Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombadia.

E’ attivo a partire da oggi, il Fondo Nasko, attraverso il quale Regione Lombardia mette a disposizione un assegno mensile da 250 euro (per un massimo di 18 mesi) alle donne che rinunciano ad una interruzione di gravidanza che sarebbe stata causata da problemi economici. Nasko ha una dotazione di 5 milioni di euro. Concretamente, l'assegno sarà erogato direttamente alle donne che accetteranno e seguiranno un "progetto personalizzato" di aiuto realizzato tramite i Consultori familiari e i CAV (Centri di Aiuto alla Vita). Questo "progetto personalizzato" comprende una serie di interventi o servizi - erogati anche da altri soggetti pubblici o privati coinvolti nel progetto stesso – che il contributo regionale di 250 euro integra e completa. "La nascita e l'avvio concreto dell'attività di questo Fondo - spiega il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni - risponde al traguardo ideale che ci siamo posti e cioè il fatto che nessuna donna dovrà più essere costretta ad abortire in Lombardia a causa dei problemi economici. Grazie anche a questo strumento vogliamo contribuire a eliminare qualunque ostacolo che renda difficoltoso fare una scelta a favore della vita".

Prende il via oggi l’iniziativa dell’“Assessorato Itinerante” promossa dal vicepresidente e assessore regionale all’Industria e artigianato Andrea Gibelli, che tra ottobre e giungo lo porterà in giro per la Lombardia in una serie di visite alle realtà del mondo produttivo. Si parte con lo stabilimento Auricchio di Gazzo-Pieve San Giacomo, in provincia di Cremona. Sentiamo il vicepresidente Gibelli

(AUDIO)

Rispettare l'ambiente significa anche scegliere servizi e beni sostenibili ed ecocompatibili valutando, già prima dell'acquisto, il loro impatto ambientale nella produzione, nell'utilizzo e nello smaltimento. Attenzione, dunque, all'intero ciclo di vita del prodotti. Tutto ciò vale per prodotti e servizi che toccano ambiti molteplici: cancelleria e carta, arredamento, edilizia, prodotti tessili, alimenti e servizi di ristorazione, attrezzature elettriche e informatiche, servizi di gestione manutenzione e ristrutturazione degli edifici, servizi di pulizia, servizi urbani e al territorio, gestione dei rifiuti, servizi energetici, trasporti e organizzazione di eventi. Diffondere questi comportamenti virtuosi è l'obiettivo della quarta edizione del Forum Internazionale degli Acquisti Verdi "COMPRAVERDE-BUYGREEN" (Fiera di Cremona, 7-8 ottobre) presentato ieri dall'assessore regionale all'Ambiente, Energia e Reti, Marcello Raimondi, insieme ai rappresentanti del territorio.

 Nella ex Montedison di Castellanza, nella zona in cui erano ospitati un tempo i locali del dopo-lavoro, ieri è stata inaugurata dall'assessore regionale alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale, Giulio Boscagli, la nuova sede dell'associazione onlus "La Luna - Banco di solidarietà" di Busto Arsizio (Va). "Regione Lombardia - ha detto Boscagli - attua la politica della sussidiarietà favorendo le realtà nate dal basso come il Banco alimentare e i Banchi di solidarietà. Con la legge regionale 3/2008 abbiamo voluto chiamare queste iniziative 'unità di offerta': ora stiamo cercando di mettere in rete queste realtà perche con loro vogliamo costruire le linee politiche del sociale. In questo senso la sussidiarietà è la nostra scelta perché è il metodo che valorizza le persone".

In Italia servono incentivi per la produzione di biometano che, come carburante rinnovabile, ha un’efficienza maggiore rispetto agli altri. E’ l’appello che l’assessore regionale al Commercio Stefano Maullu ha lanciato al Governo in occasione del convegno “Il biogas e il biometano in Europa, esperienze e prospettive di sviluppo”, che si è tenuto a Milano.  Sentiamo l’assessore

(AUDIO)

L'impianto della funivia di Ponte di Piero-Monteviasco, in provincia di Varese, sarà revisionato. L'accordo è stato raggiunto nel corso di un incontro convocato dall'assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia Raffaele Cattaneo. Durante i lavori sono stati definiti il percorso operativo per portare a termine l'intervento e gli impegni economico finanziari. L'obiettivo condiviso è di permettere che la revisione quarantennale dell'impianto avvenga entro il 2 giugno 2011, data di scadenza della proroga dell'esercizio concessa dall'Ustif. Il costo totale dell'intervento è di 630.000 euro: Regione Lombardia si è impegnata a coprire i due terzi dei costi, finanziando 420.000 euro, mentre la restante parte sarà a carico degli Enti locali e del gestore.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto