Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

In arrivo dalla Regione Lombardia 3 mln di euro in favore degli agricoltori di montagna per finanziare progetti che le aziende agricole hanno presentato alle comunità montane: dalla ristrutturazione di fabbricati rurali all'acquisto di macchine, impianti e attrezzature agricole, fino a interventi per migliorare l'efficienza aziendale. “Un intervento importante e atteso per dare corso agli investimenti e ai progetti di sviluppo delle imprese agricole montane” secondo Assessore regionale all'Agricolura, Giulio De Capitani:

(audio)


Lo scorso 19 giugno era stato aperto il bando di “Generazione Web Lombardia”, progetto che metteva a disposizione 8,7 milioni di euro per permettere a circa 25.000 studenti di adottare strumenti tecnologici per le lezioni, abbandonando i libri cartacei per passare a testi digitali. L'iniziativa, prima del genere in Italia su base regionale, ha ottenuto un grande successo (280 le domande pervenute). Così la Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell'assessore all'Istruzione, Formazione e Cultura Valentina Aprea, di concerto con l'assessore alla Semplificazione e Digitalizzazione Carlo Maccari, ha deciso di stanziare altri 4 milioni di euro per coprire le domande escluse in un primo momento e finanziare nuovi progetti. Sentiamo l’assessore Aprea:

(audio)

"Regione Lombardia nelle ultime settimane ha più volte ribadito al Comune di Como la propria disponibilità ad esaminare un nuovo progetto che riguardi la difesa idraulica della città impegnandosi anche a cofinanziare tale progetto, mettendo a disposizione fino a 5 milioni di euro, a condizione che si trovi una soluzione definitiva per chiudere rapidamente i lavori. Allo stesso tempo Regione Lombardia non può in alcun modo intervenire nell'accordo bonario che si sta discutendo tra il Comune di Como e l'azienda Sacaim trattandosi di un rapporto esclusivo tra la stazione appaltante (ossia lo stesso Comune di Como) e la ditta cui sono stati affidati i lavori. Qualunque intervento che si inserisse nel rapporto tra la stazione appaltante e Sacaim sarebbe non corretto da un punto di vista amministrativo". E' quanto spiega una Nota di Regione Lombardia, in riferimento alle prese di posizione riportate dalla stampa in questi giorni di esponenti del Comune di Como.

Su proposta dell'assessore della Regione Lombardia alla Protezione civile, Polizia locale e Sicurezza Romano La Russa, la Giunta ha approvato i criteri e le modalità per l'assegnazione dei finanziamenti a progetti che riguardino la sicurezza e la legalità, finanziando i bandi relativi con 300.000 euro. Tra i progetti da attuare rientrano, tra gli altri, le iniziative di sensibilizzazione e formazione mirate ai giovani rispetto a bullismo, cibersecurity, sicurezza stradale; programmi sulla legalità rivolti ai giovani di 16/18 anni, che hanno abbandonato gli studi; attività formative rivolte agli insegnanti e agli educatori per l'educazione alla legalità; azioni di informazione sulla sicurezza e sulla prevenzione e formazione sulla legalità e criminalità organizzata; attività di tipo culturale e di spettacolo, compresa la realizzazione di software e giochi didattici contro l'illegalità. A ciascun progetto, cofinanziabile nella misura massima dell'80 per cento delle spese fatturabili, potranno essere erogati un minimo di 10.000 e un massimo di 30.000 euro. "Regione Lombardia - ha concluso l'assessore La Russa – conferma con questa iniziativa il suo fermo impegno a favore della sicurezza e del contrasto alla criminalità, promuovendo la cultura della legalità".

Ed è tutto. Grazie per l’ascolto.


inanziamenti a progetti che riguardino la sicurezza e la legalità, finanziando i bandi relativi con 300.000 euro. Tra i progetti da attuare rientrano, tra gli altri, le iniziative di sensibilizzazione e formazione mirate ai giovani rispetto a bullismo, cibersecurity, sicurezza stradale; programmi sulla legalità rivolti ai giovani di 16/18 anni, che hanno abbandonato gli studi; attività formative rivolte agli insegnanti e agli educatori per l'educazione alla legalità; azioni di informazione sulla sicurezza e sulla prevenzione e formazione sulla legalità e criminalità organizzata; attività di tipo culturale e di spettacolo, compresa la realizzazione di software e giochi didattici contro l'illegalità. A ciascun progetto, cofinanziabile nella misura massima dell'80 per cento delle spese fatturabili, potranno essere erogati un minimo di 10.000 e un massimo di 30.000 euro. "Regione Lombardia - ha concluso l'assessore La Russa – conferma con questa iniziativa il suo fermo impegno a favore della sicurezza e del contrasto alla criminalità, promuovendo la cultura della legalità".

Ed è tutto. Grazie per l’ascolto.