Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Il sottogretario all'Università e ricerca della Regione Lombardia, Alberto Cavalli, su delega del Presidente Roberto Formigoni, ha partecipato questa mattina a Milano,  alla commemorazione per il 68° anniversario dall'eccidio di piazzale Loreto, dove all'alba del 10 agosto 1944 15 partigiani furono fucilati da militi della legione Ettore Muti della RSI, su ordine nazista, e i loro corpi vennero esposti e vilipesi fino a sera. Sentiamo Cavalli

(AUDIO)

 Regione Lombardia mette a disposizione degli Enti locali un plafond finanziario di 210 milioni di euro - cifra triplicata rispetto ai 70 milioni dello scorso anno - per consentire loro di effettuare investimenti altrimenti impossibili a causa del blocco imposto dal Patto di stabilità nazionale. “A noi interessa – osserva il presidente regionale Formigoni - che sia tutto il sistema Lombardia a crescere. Per questo abbiamo triplicato lo sforzo verso le autonomie locali rispetto allo scorso anno, garantendo loro di poter aumentare il tetto del patto di stabilità di oltre 200 milioni di euro”. “Per realizzare questa iniziativa - sottolinea l'assessore al Bilancio, Finanze e Rapporti istituzionali Romano Colozzi - abbiamo agito percorrendo due strade diverse: quella interna alla Lombardia, raccogliendo le istanze dei sindaci e del territorio, e quella nazionale, sui tavoli con il Governo, ottenendo norme e risorse utili per Regioni ed Enti locali”.L'assegnazione di possibilità di spesa per gli Enti locali colpiti dal terremoto porterà di fatto

all'azzeramento dei vincoli del patto di stabilità; gli stessi enti, qualora abbiano disponibilità di cassa, potranno quindi finanziare e pagare gli interventi di ripristino dei danni conseguenti al terremoto dello scorso maggio, senza alcuna limitazione posta dal patto di stabilità. La seconda priorità prevista riguarda le spese di investimento legate ad Expo 2015 e alle opere connesse. Gli Enti locali dovranno segnalare alla Regione i propri investimenti in maniera da poter beneficiare del riparto.

Un finanziamento da 300mila euro destinato a bandi che riguardino progetti legati alla sicurezza e alla legalità. E' quanto approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Protezione civile, Polizia locale e Sicurezza, Romano La Russa. A beneficiare dei finanziamenti saranno enti locali, associazioni, istituti di ricerca, scuole, università, oratori ed enti di culto. Ampio il quadro dei progetti finanziabili: dalle iniziative di sensibilizzazione per i giovani su temi come il bullismo, la sicurezza stradale o la sicurezza sul web, alle attività formative per insegnanti e studenti sulla legalità, passando per attività di tipo culturale e di spettacolo. Sentiamo La Russa

(AUDIO)

Premiare la creatività e l'ingegno dei giovani, per rendere disponibili nuovi servizi e sempre più accessibile e trasparente la Pubblica amministrazione. E' l'obiettivo del concorso 'OpenApp Lombardia', iniziativa promossa dall'Assessorato regionale alla Semplificazione e Digitalizzazione, alla quale c'è ancora tempo per partecipare (le iscrizioni chiuderanno alle ore 12 del 28 settembre), che sta crescendo grazie anche alla partnership assicurata da Microsoft e da Prospera-Progetto Speranza. Due sostegni che rendono ancora più appetibile la proposta per i giovani sviluppatori. "'OpenApp Lombardia' - spiega l'assessore Carlo Maccari - si rivolge ai giovani programmatori e sviluppatori di età compresa tra i 18 e i 35 anni, che vogliono mettersi in gioco, realizzando applicazioni web o app per dispositivi mobili. E' inoltre un'opportunità in più per utilizzare promuovere e sviluppare il nostro portale OpenData, il grande archivio digitale che, in nome della trasparenza, contiene già milioni di informazioni per i cittadini suddivise nei più svariati ambiti, dalla cultura alla sanità, dagli impianti sportivi al sociale, al commercio". Per partecipare al concorso i candidati devono registrarsi nell'apposita sezione del portale www.openapp.lombardia.it.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.