Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

La visita di idoneità medico sportiva, gratuita in Lombardia fino ai 18 anni, è l'unico screening obbligatorio per legge che viene effettuato in Italia. Venute meno le visite di leva per i giovani ed eliminata di fatto la medicina scolastica, il controllo sanitario per chi svolge attività sportiva rappresenta oggi il solo mezzo efficace mezzo di prevenzione e diagnosi precoce delle malattie.  Regione Lombardia e Federazione medico sportiva italiana (Fmsi) hanno deciso di avviare il primo progetto di ricerca e indagine epidemiologica sui partecipanti alla visita medico sportiva: un'iniziativa fondamentale per disporre di una fotografia esatta dello stato di forma dei ragazzi lombardi e, conseguentemente, avviare percorsi di tutela della salute e di incentivazione all'esercizio fisico. Il progetto è stato presentato dagli assessori regionali allo Sport Filippo Grassia e alla Sanità Mario Melazzini, insieme al presidente Fmsi Maurizio Casasco.

Valorizzare il tema dell'innovazione in agricoltura e realizzare iniziative di comunicazione. Sono alcuni dei punti operativi del protocollo firmato, nei giorni scorsi, a Palazzo Lombardia per la collaborazione fra Coldiretti ed Expo 2015. "Il tema dell'Esposizione universale di Milano è la lotta alla fame che", spiega il commissario generale Roberto Formigoni, "passa innanzi tutto per l'agricoltura sostenibile".
(AUDIO)

Qualificare il settore del florovivaismo attraverso la costituzione di un albo regionale, che certifichi, al tempo stesso, la professionalità delle imprese e la qualità dei prodotti vegetali, a maggior tutela anche del committente, pubblico o privato, di opere di costruzione e manutenzione del verde. Se ne è discusso nei giorni scorsi a Palazzo Lombardia, in un incontro tra l'assessore regionale all'Agricoltura Giuseppe Elias e gli operatori del comparto, tra i quali Fondazione Minoprio, i Distretti agricoli del florovivaismo Alto Lombardo e Plantaregina, Assofloro Lombardia e le organizzazioni professionali regionali. "Un albo che gli operatori chiedono da tempo e per il quale - ha spiegato Elias – è necessario promulgare una legge regionale. L'obiettivo non è quello di istituire un elenco di aziende, ma uno strumento che dovrà dare certezza al settore nell'ambito della sicurezza del lavoro, della professionalità, della trasparenza e della legalità". "L'albo - ha proseguito l'assessore – potrebbe inoltre stimolare politiche di gruppo e aggregazione tra le imprese".

Quasi 5 milioni di capi per mille aziende. Sono questi i numeri dell'allevamento di suini in Lombardia presentati a Unioncamere nel rapporto 2012. Li commenta l'assessore all'Agricoltura, Giuseppe Elias...
(AUDIO)

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.