Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Impresa, lavoro, sanità e trasporti sono le quattro priorità di Regione Lombardia per l'inizio del 2012. Alle quali corrispondono altrettante notizie positive. E' lo stesso presidente Roberto Formigoni ad annunciarle. Per quanto riguarda il sostegno all’attività produttiva fra pochi giorni, infatti, subito dopo il periodo delle festività, inizierà la messa a disposizione di ben 500 milioni di euro, frutto dell'accordo Regione Lombardia/Banca Europea di Investimento (BEI) e reso attuativo con un'iniziativa che vede protagonisti la finanziaria regionale, Finlombarda, insieme ai più importanti istituti di credito attivi sul nostro territorio.

Accordo sottoscritto dopo oltre 13 ore di trattativa in Regione Lombardia per il ricollocamento dei 152 lavoratori della ex Wagon Lits. All'incontro del 30 dicembre, convocato dagli assessori regionali Raffaele Cattaneo (Infrastrutture e Mobilità) e Gianni Rossoni (Istruzione, Formazione e Lavoro) hanno preso parte i rappresentanti sindacali di CGIL, CISL, UIL, UGL e Fast ferrovie, il Gruppo delle Ferrovie dello Stato, Trenord e le aziende Wasteels e Angel Service. Gli unici a non aver sottoscritto l'intesa che garantisce nuove opportunità di lavoro sono state le sigle sindacali CGIL e Fastferrovie "Abbiamo scritto nero su bianco un accordo serio e concreto – ha affermato l'assessore Cattaneo - che permette il riassorbimento di tutti i 152 lavoratori lombardi rimasti senza un impiego, alcuni dei quali con contratto a tempo indeterminato già a partire dal 31 gennaio 2012". "Questa vicenda - ha ricordato Cattaneo - non riguardava direttamente Regione Lombardia, ma non potevamo rimanere indifferenti davanti a una situazione di allarme sociale. Sorprende che la CGIL, dopo aver partecipato al tavolo fino alla fine, non poi abbia sottoscritto un accordo che nei fatti risolve il problema della disoccupazione di questi lavoratori. Probabilmente il loro non è stato un lavoro dettato dall'interesse di reimpiegare i lavoratori, ma da motivazioni di altra natura".

Regolare i rapporti commerciali tra i gestori degli impianti di risalita e i consumatori è l'obiettivo del contratto tipo per la fruizione delle aree sciabili in Lombardia. Di cosa si tratta nel servizio di Maria Chiara Grandis

(AUDIO)

Su proposta dell'assessore alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale, Giulio Boscagli, la Giunta regionale ha approvato il riparto delle risorse del Fondo nazionale per le politiche sociali. "Con le risorse trasferiteci dallo Stato - spiega Boscagli - sosterremo le attività dei 98 Ambiti territoriali di associazione dei comuni per l'attuazione dei piani di zona anche attraverso le Asl cui sono affidati i compiti di coordinamento delle attività". Le risorse trasferite dallo Stato sono, complessivamente, pari a 25.296.642,37 euro e di questi, 20 milioni saranno destinati alle Asl e agli Ambiti territoriali. "I restanti 5 milioni - aggiunge l'assessore Boscagli - resteranno a disposizione dell'Assessorato per interventi di natura sociosanitaria di lotta alla droga, per la realizzazione e prosecuzione di iniziative sperimentali e innovative sul fronte delle famiglie in difficoltà, per azioni a favore delle persone non autosufficienti e disabili e il sostegno del sistema informativo sociale regionale e degli osservatori regionali e provinciali. Saranno fondi con cui la Regione continuerà a dimostrare, in modo concreto, la sua attenzione ai cittadini e al settore del welfare". I fondi attributi a ciascun Ambito saranno pubblicati sul portale regione.lombardia.it

Ed è tutto. Grazie per l’ascolto.