Bentrovati a questo nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

"La conclusione della gara per il San Raffaele conferma una volta di più l'importanza assoluta di un 'unicum' sanitario, universitario e di ricerca riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo".  E' questo il commento del presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni al  completamento dell'asta per il controllo dell'istituto. "Fa piacere - aggiunge il presidente - che ad aggiudicarsi la gara sia un gruppo italiano e ancor più lombardo. Avevamo ragione nel sostenere che non fosse necessario un intervento del pubblico – e in particolare della Regione - per salvare dal fallimento un istituto di assoluta eccellenza. Nella sanità lombarda pubblico e privato competono e collaborano; i fondi privati sono intervenuti in modo massiccio per rilevare un'altra realtà privata che ha sempre svolto con soddisfazione degli utenti un importante servizio pubblico". "È chiaro - conclude Formigoni - che il San Raffaele ha bisogno ora di un attento e lungimirante piano industriale, capace di garantire e potenziare ognuna delle eccellenze, quella sanitaria, quella universitaria e quella della ricerca. Questa la nuova fase che si apre oggi".

Anche in Lombardia i tassisti sono in agitazione contro le liberalizzazioni allo studio del governo Monti. Intanto in Regione domani ci sarà il tavolo con Confcommercio per stabilire i nuovi orari dei negozi. Il servizio è di Maria Chiara Grandis

-    Audio –

500 milioni di euro per le piccole e medie imprese lombarde. Sono garantiti e già disponibili grazie all'accordo siglato fra la Regione e la Banca europea degli investimenti. L'obiettivo è quello di aiutare il sistema economico ad affrontare il periodo di crisi fornendo capitale circolante. Duecento milioni arrivano dalla linea di credito attivata dalla Bei a Finlombarda, e 300 dalle 16 banche convenzionate. Le pmi lombarde attive da almeno due anni nel manifatturiero, nei servizi alle imprese, nel commercio all'ingrosso, nelle costruzioni possono chiedere le risorse in modo agevolato per uno o più ordini o contratti di fornitura di un importo minimo di 100mila euro, di cui verrà coperto fino al 50%. "Un'iniziativa unica in Italia", spiega il vicepresidente della Regione e assessore all'industria e artigianato, Andrea Gibelli

-    Audio –

Con gli aumenti del prezzo dei carburanti, la carta sconto benzina della Regione non basta più a favorire il pieno nelle zone di confine con la Svizzera. Per questo in un nuovo colloquio con la presidenza del Consiglio dei ministri il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, è tornato a chiedere un provvedimento di modifica delle norme in vigore sulle accise". "Ho sollecitato l'Esecutivo - ha riferito Formigoni - a varare una norma che permetta di superare il problema in tempi rapidi. Per esempio, inserendola nel prossimo decreto che il Governo sta preparando sui temi dello sviluppo e delle liberalizzazioni". "La Presidenza del Consiglio - ha aggiunto Formigoni - ha condiviso l'impostazione che ho prospettato e mi aspetto dunque che entro breve la questione possa essere risolta".

Ed è tutto. Grazie per l’ascolto.