Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Dopo lo sbarco sull'app store di Apple, 'In Lombardia' per smartphone e tablet è  disponibile, in modo del tutto gratuito sul sito http://play.google.com, anche per i sistemi Android.  Sono molte le funzioni garantite dall'app 'In Lombardia' che, tramite il sistema di geolocalizzazione, consente al cittadino di trovare tante risposte in tempo zero e conoscere meglio l'intero territorio lombardo.  "Grazie alla nostra App - commenta l'assessore regionale alla Semplificazione e Digitalizzazione Carlo Maccari - offriamo un nuovo modo di conoscere il grande patrimonio di dati e informazioni che la Regione ha messo a disposizione in modo semplice e intuitivo". 'In Lombardia', dunque, offre mille informazioni. Dall'ambito sanitario con indicazioni su ospedali e strutture per anziani, al pianeta della cultura con tutti i musei e le biblioteche. Per chi poi desidera informarsi sulle scuole, l'app rende disponibile l'elenco di tutti gli istituti lombardi e i luoghi dove spendere la Dote scuola.  Per i viaggiatori, poi, la sezione dedicata alla mobilità presenta la mappa aggiornata delle stazioni e della metropolitana. Informazioni che si possono coniugare, per una gita, un viaggio di lavoro o una passione ludica, a quelle che riguardano parchi, fiere e impianti sportivi.

Approvata all'unanimità dal Consiglio regionale della Lombardia la nuova legge contro la violenza nei confronti delle donne. “Un buon lavoro” commenta l'assessore allo Sport e Giovani Luciana Ruffinelli, che illustra gli aspetti principali del provvedimento

-    Audio –

Sono una ventina gli impianti sportivi danneggiati dal terremoto in 13 comuni del manotvano. Dopo le sollecitazioni dell'assessorato allo Sport e giovani di Regione Lombardia, l'Istituto per il Credito Sportivo ha pensato a iniziative mirate per sostenere la ripresa delle attività. Quali sono le spiega l'assessore, Luciana Ruffinelli

-    Audio -

Il Contratto di Recupero Produttivo (Crp) Cartiere Pigna di Alzano Lombardo, avviato da Regione Lombardia, fa un ulteriore passo avanti. Deliberato dalla giunta comunale di Alzano Lombardo, andrà in Giunta provinciale lunedì prossimo. A breve toccherà alla Regione e poi finalmente il via ai lavori. Il Contratto, concertato tra parti istituzionali, economiche e sociali, costituisce il primo esempio, su scala regionale, di strumento urbanistico finalizzato al recupero di aree in condizione di fragilità economica ed occupazionale. "Ci avviamo a passo spedito verso la firma - ha commentato l'assessore ad Ambiente, Energia e Reti Marcello Raimondi – e siamo soddisfatti di come stanno procedendo le cose. E' un esempio di come la collaborazione tra le istituzioni porti frutti concreti quali la salvaguardia del lavoro e del tessuto economico e sociale di una comunità. In questo momento così difficile, un risultato confortante". "Quello della Pigna - ha dichiarato Daniele Belotti, assessore al Territorio e Urbanistica - è l'apripista di un modello che vogliamo applicare in altre realtà lombarde. Recuperare aree industriali senza delocalizzare, ma, al contrario, preservando i posti di lavoro in loco, è una soluzione che può segnare una nuova filosofia nella riqualificazione delle nostre città".

È tutto, grazie per l’ascolto