Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

’La politica non e’ entrata alla Scala e non intende interferire con la liberta’ di cultura e di arte. Semplicemente, la politica ha chiesto maggiore trasparenza e maggiore attenzione nella gestione di denaro pubblico’. E’ quanto dichiara il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, riguardo alle affermazioni di Stephane Lissner, ricordando che ’la Scala ha ricevuto nel 2011 piu’ di 35 milioni di euro da istituzioni, molte delle quali sono amministrate proprio dalla politica’.
 L’esito del CdA di ieri mattina - prosegue Formigoni -. come ho detto, e’ il primo passo di un’attivita’ di spending review cui, mi auguro, ne seguiranno altri. Proporro’ alle altre istituzioni che finanziano stabilmente il Teatro di dar vita ad un tavolo affinche’ si dia seguito al lavoro iniziato con obiettivi concreti e stringenti’ E sentiamo dunque Formigoni sulla spending review

- audio -

L’assessore regionale  all’Istruzione, Formazione e Cultura della Lombardia,  Valentina Aprea, ha partecipato alla cerimonia della posa  della prima pietra della scuola elementare Giandomenico  Romagnosi di Carate Brianza (MB).  Si tratta di uno dei rari casi - se non l’unico dell’ultimo  decennio - di edificio scolastico che sara’ costruito e  realizzato senza ricorso ad alcun contributo statale. I fondi  sono stati messi a disposizione in parte da Regione Lombardia  - 350.000 euro, parte di uno stanziamento di circa un milione  di euro destinato all’edilizia scolastica a Carate Brianza -  e dall’amministrazione comunale che ha fatto ricorso ad un  leasing immobiliare.  ’Questo edificio - ha commentato l’assessore Aprea -  sara’ realizzato in modo da adattarsi alla didattica del  futuro, in cui la digitalizzazione sara’ la vera  protagonista: per fare questo i tradizionali spazi utilizzati  nelle nostre scuole sono stati ripensati per favorire un  migliore apprendimento’.

Pd smetta di fare demagogia,  tanto piu’ sulla pelle dei cittadini, prospettando ipotesi  che sono del tutto fuori orizzonte e irrealizzabili’. Lo  afferma il presidente della Regione Lombardia, Roberto  Formigoni, replicando alla presa di posizione di alcuni  esponenti dell’opposizione sui ticket sanitari.  ’Domando ai consiglieri del Pd - prosegue Formigoni - ma  come, il Governo ci taglia 2 miliardi l’anno sulla sanita’ in  modo strutturale, e voi ci venite a dire di ridurre i  ticket’? Con quali soldi’? Che non ci siano risorse per  abbassare i ticket e’ evidente anche ai bambini. Faremo  fatica a garantire i servizi, ma questo e’ il nostro impegno!  Si, manterremo i servizi nonostante i tagli strutturali di 2  miliardi’.

E’ tutto, grazie per l’ascolto