Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

La spending review, così com'è articolata, non s'ha da fare: alla sola Regione Lombardia vengono sottratti, per i 6 mesi residui del 2012, 284 milioni di euro, contro i 161 milioni di euro tagliati a tutti i Ministeri. Il dito del presidente Roberto Formigoni è puntato contro i tagli squilibrati: "Non è una spending review razionale ed equilibrata, ma un taglio lineare che, una volta di più, si accanisce sulle Regioni". La cartina di tornasole è rappresentata dai conti regionali: "Il taglio per le Regioni è pari a 2,2 miliardi di euro per il 2012, per i Ministeri pari a 161 milioni di euro". Formigoni si rivolge direttamente al Governo, chiedendo: "È questo un taglio equilibrato? Alla sola Lombardia vengono sottratte più risorse che a tutti i Ministeri messi insieme: la spending review toglie alla Regione Lombardia 284 milioni per i 6 mesi residui del 2012 e ai Ministeri, complessivamente, 161 milioni". "Equa? La Regione Lombardia, da  sola, taglierebbe 284 milioni. Tutti i Ministeri, insieme, tagliano  121 mln. Cosa c’e’ di equo?” Lo afferma sulla spending review l’assessore  al Bilancio della Lombardia, coordinatore della Commissione Affari  finanziari della Conferenza delle Regioni, Romano Colozzi

Un accordo per aumentare la sicurezza non solo di chi usa i mezzi pubblici locali per spostarsi, ma anche di chi, sui mezzi, ci lavora. Lo ha firmato la Regione Lombardia con i rappresentanti dei corpi delle Forze dell'Ordine e le associazioni del Trasporto pubblico locale. Si tratta del rinnovo di un'intesa già avviata nel 2010 e in cosa consiste lo spiega l’assessore alle Infrastrutture e mobilità,  Raffaele Cattaneo

AUDIO

"Gia’ che c’erano potevano  chiedere l’ergastolo". Cosi’ risponde, con ironia, il vice presidente  di Regione Lombardia e capo delegazione della Lega Nord Andrea Gibelli  interpellato in merito alla notizia della richiesta di un anno di  carcere ai danni del Presidente di Regione Lombardia Roberto  Formigoni, per l’accusa di diffamazione presentata dal partito di  Pannella.  "In questo modo -continua- avrebbero catturato l’attenzione di  tutti i media mondiali, e non solo quelli nazionali. Ai lombardi e  alle imprese invece interessa di più avere risposte concrete in  merito ai problemi derivanti dalla crisi economica, rispetto alle  polemiche di poco conto di Cappato", conclude.

E' positivo il bilancio del tavolo per la Wagon lits, che alla presenza degli assessori regionali Gianni Rossoni (Occupazione e Politiche del lavoro) e Raffaele Cattaneo (Infrastrutture e Mobilità), ha esaminato lo stato di avanzamento dell'attuazione dell'accordo siglato il 30 dicembre scorso. Alla riunione erano presenti anche Arifl (Agenzia regionale per la Formazione, Istruzione e Lavoro), rappresentanti di Trenitalia, RFI, Trenord e organizzazioni sindacali. Dei 157 lavoratori coinvolti, 93 hanno trovato una nuova ricollocazione o saranno assunti in tempi brevi anche a seguito di un percorso formativo mirato. Degli altri 64, alcuni hanno rifiutato la proposta di riqualificazione finalizzata al successivo inserimento lavorativo in alcune delle società appaltatrici di RFI e Trenitalia, altri stanno per iniziare la formazione, altri ancora la stanno ultimando.

 Un fondo finalizzato alla raccolta di aiuti, gestiti dall'Isc (Istituto per il Credito Sportivo), da destinare alle popolazioni colpite dal terremoto, oltre ad agevolazioni sui mutui sportivi. È questa l'idea proposta a Roma, nel corso dell'evento organizzato per festeggiare i 50 anni di attività dell'Ics. Il fondo, lanciato in occasione della serata di solidarietà 'Un aiuto da campioni', ha già ricevuto un contributo da parte dell'Ics stesso, che lo ha aperto con 50.000 euro. Soddisfazione è stata espressa da parte dell'assessore regionale allo Sport e Giovani Luciana Ruffinelli, presente insieme a molti atleti che hanno fatto la storia del nostro sport, come Igor Cassina, Manuela di Centa, Piero d'Inzeo, Domenico Fioravanti, Giorgio Lamberti e Andrea Lucchetta. "Oltre al fondo - ha detto Luciana Ruffinelli - i commissari dell'Ics hanno esplicitato la volontà di praticare agevolazioni sui mutui già in essere, destinati a strutture sportive sui territori interessati dal sisma.

E’ tutto, grazie per l’ascolto