Bentrovati al nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Il Presidente di Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha convocato oggi a Palazzo Lombardia il Tavolo dei rettori delle università per un incontro in cui sono stati affrontati vari temi, tra cui la competitività degli atenei lombardi, il diritto allo studio e l'individuazione dei distretti d'alta tecnologia, in vista del bando ministeriale per il nord. Presenti al Tavolo anche gli assessori Aprea (Istruzione), Rossoni (Lavoro) e Maccari (Semplificazione e Digitalizzazione). Questo il commento, rilasciato dal Governatore, Roberto Formigoni, in un breve incontro con la stampa al termine dei lavori

-    Audio -

"La Regione Lombardia presieduta daRoberto Formigoni è da almeno tre anni pressoché a 'zero consulenze'. Non bisogna infatti confondere, per la Lombardia e per tutte le Regioni italiane, l'Amministrazione regionale con la ben più vasta realtà dei territori regionali dove sono  presenti enti pubblici numerosi, di varia natura e dimensione, ciascuno con la sua autonomia". Lo puntualizza una Nota di Regione Lombardia in relazione a dati sulle consulenze ripresi dagli organi di informazione. "Sul territorio lombardo - ricorda la Nota - vivono 10 milioni di abitanti, cioè un sesto della popolazione italiana, 12 province, 1546 Comuni, e poi Comunità montane, Consorzi, Camere di commercio, ecc. Una galassia che non dipende dal governo regionale. Ovvio che in termini assoluti, i dati di questa realtà che è la più grande in Italia stiano tendenzialmente in cima alle classifiche. Altra cosa è però valutare la virtuosità degli enti. E l'ente Regione Lombardia, quanto a consulenze, è appunto ai minimi storici".

"Concedo a Majorino la giustificazione del neofita, ma lo invito a studiare bene il sistema di welfare lombardo prima di rilasciare dichiarazioni avventate". Così l'assessore alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale, Giulio Boscagli, ha risposto alle dichiarazioni dell'assessore alle Politiche Sociali di Milano, Pierfrancesco Majorino sulla gestione del welfare da parte di Regione Lombardia. "Le porte del assessorato – prosegue Boscagli - sono sempre aperte per chi vuole collaborare nell'edificare insieme un nuovo modello di welfare all'altezza delle sfide attuali e soprattutto capace di rispondere alla grave crisi economica in corso. Affermare che Regione Lombardia taglia le risorse sul sociale non solo è falso, ma dimostra anche scarsa conoscenza del sistema di welfare italiano".

"Non è cercando colpe che si risolvono problemi di dimensione internazionale come l'annuncio dei licenziamenti dato da Nokia Siemens, ma solo con la massima corresponsabilità. E Regione Lombardia c'è". Questa la  reazione dell'assessore regionale al lavoro Gianni Rossoni, alla notizia dei licenziamenti annunciati da Nokia Siemens. "Stiamo seguendo con la massima attenzione questa situazione da alcuni mesi, sia a livello ministeriale che in ambito locale, - spiega Rossoni - abbiamo partecipato a diversi incontri nelle scorse settimane e altri ne avevamo messi in calendario fin da lunedì 7 maggio (con Jabil e Nokia Siemens, per affrontare le esigenze stesse delle aziende rispetto al sito di Cassina de' Pecchi). La comunicazione ricevuta è un ulteriore elemento di difficoltà, siamo comunque pronti a intervenire con iniziative immediate a fronte di questi gravissimi annunci."

Attribuire all'Aler Milano una qualsivoglia "stangata sulle case a equo canone" (come ha fatto un importante quotidiano) è del tutto gratuito e infondato. Lo dichiara l'assessore regionale alla Casa, Domenico Zambetti, in relazione ad articoli apparsi sulla stampa. "A parte il fatto - spiega Zambetti - che l'equo canone è finito nel 1998, la verità è che su indicazione del Comune di Milano e in osservanza delle norme in vigore, Aler Milano sta provvedendo all'adeguamento dei canoni di affitto delle abitazioni di proprietà dello stesso Comune di Milano. Si tratta di abitazioni non di edilizia popolare, recentemente affidate in gestione all'Azienda lombarda di edilizia residenziale di Milano".

E’tutto, grazie per l’ascolto