Bentrovati al nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Il Presidente di Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e i presidenti di 23 comunità montane lombarde hanno firmato gli accordi attuativi dei rispettivi Piani integrati di sviluppo locale. Si tratta di 303 progetti in 7 province (Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Pavia, Sondrio e Varese), destinati ad accrescere l'attrattività turistica delle montagne. 90 mln di euro l'investimento complessivo, suddiviso tra Regione e altri enti pubblici e privati, per un progetto che riguarda infrastrutture, attrezzature turistiche e sportive, restauro di beni culturali e architettonici, difesa del suolo. Il commento del Governatore, Roberto Formigoni...

-    Audio -

"Condivido i rilievi critici espressi dall'on. Renato Brunetta nell'articolo 'La riforma degli statali è una resa alla cattiva burocrazia', pubblicato ieri sul Corriere della Sera. E' infatti opportuno che non vadano vanificate le azioni positive scaturite dall'applicazione del decreto legislativo 150/2009. Efficienza, trasparenza e merito sono le parole d'ordine della Riforma Brunetta: principi che Regione Lombardia non solo ha condiviso ma che ha pienamente applicato, in pieno accordo con le rappresentanze sindacali, pur in presenza di tentativi più o meno espliciti di vanificazione". E' quanto dichiara il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni. Il quale prosegue, osservando: "Di più: modernizzazione della Pubblica amministrazione, valutabilità e indici di virtuosità sono leve imprescindibili per una innovazione profonda del lavoro pubblico. Nessuna controriforma potrà metterle in discussione". "Quanto al percorso avviato dal ministro Patroni Griffi - aggiunge Formigoni - apprezziamo in particolare l'obiettivo di riaffermare la pari dignità istituzionale fra i diversi datori di lavoro pubblico (per cui Regioni e Enti locali sono parte datoriale quanto lo Stato) e l'allargamento della base di consenso attorno a principi condivisi".

"Grazie a questo bando verrà agevolato lo sforzo volontario e l'impegno delle aziende lombarde a perseguire obiettivi di crescita e di performance socialmente responsabili". Lo ha detto il vice presidente e assessore all'Industria e Artigianato di Regione Lombardia Andrea Gibelli, in merito al 'Bando sulla responsabilità sociale d'impresa', che verrà pubblicato nei prossimi sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (Burl). "Nello specifico la misura, assolutamente innovativa, - ha spiegato il vice presidente - promuove lo sviluppo del contesto locale nel quale operano le imprese, favorendo nuove forme di welfare complementari per i propri dipendenti, agevolando processi di transizione e riqualificazione di lavoratori nelle crisi occupazionali o avviando politiche di approvvigionamento che privilegino fornitori del territorio". "Promuovere comportamenti virtuosi e responsabili - ha proseguito ancora Gibelli - permette alle imprese lombarde di aumentare il proprio grado di competitività: da una parte infatti è possibile avviare uno sviluppo sostenibile con il territorio, dall'altra consente di valorizzare maggiormente il capitale umano". "Il bando - ha concluso l'assessore - sosterrà le imprese lombarde nei loro comportamenti socialmente responsabili, già molto diffusi in Lombardia, così che il nostro diventi il modello da seguire".

È tutto,  grazie per l’ascolto