Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Il sostegno dei meno abbienti e in particolare delle famiglie diventate monoparentali a seguito di separazione; la possibilità di sottoscrivere un «patto salva-mutuo»; la consegna di 640 nuovi alloggi entro l'anno e di 1.180 per fine 2013. Queste le novità del programma regionale per la casa illustrate dal presidente della Giunta lombarda Roberto Formigoni e dall'assessore Domenico Zambetti.  Due i nuovi bandi attivati dalla Regione Lombardia. Il primo è riservato alle famiglie monoparentali. I coniugi separati legalmente (con reddito Isee-Erp tra i 9.000 e i 40.000 euro) anche con figli minori, potranno accedere ad alloggi non destinati all'edilizia pubblica tradizionale. A Milano, nel quartiere Gratosoglio, sono già disponibili 40 mini alloggi. Il bando chiuderà il 19 marzo.  L'altro bando riguarda invece gli appartenenti alle Forze dell'ordine, per i quali - in raccordo con la Prefettura di Milano - l'Aler ha messo a disposizione circa 180 alloggi di piccole dimensioni. Il presidente Formigoni

(AUDIO)

 Come sottolineato dal presidente Formigoni, la Regione sta inoltre lavorando con il sistema bancario per abbattere del 2% i mutui per l'acquisto della prima casa (previsti 5 milioni di euro di risorse regionali) da parte delle giovani coppie grazie alla collaborazione di Abi e Finlombarda.  Il presidente della Regione Lombardia ha sottolineato in particolare la «formula innovativa» del patto salva mutuo. Sentiamo l’assessore Zambetti

(AUDIO)

Insieme a Federcasa, la Regione Lombardia ha inoltre chiesto la riduzione dell'Imu dallo 0,76 allo 0,4 per mille sugli edifici di edilizia residenziale pubblica.  La Regione, è stato ribadito «crede fortemente nell'uso di strumenti finanziari nuovi. In questo senso il Fondo Federale Immobiliare (Fil) di Lombardia - che permetterà la realizzazione, entro il 2013, di circa 800 alloggi e 800 posti letto per necessità temporanee, di studio, di assistenza o altro - ha fatto registrare in un solo mese un incremento di 40 milioni di euro, passando dai 220 iniziali a 260 milioni di euro attuali. L'obiettivo è di portarlo a 400 milioni».
 
«Mi amareggia molto vedere che ci sono indagini in corso con molte ipotesi di reato. Ovviamente le cose devono essere dimostrate, ma come capo di Regione Lombardia mi sono sentito in dovere di costruire sistemi per impedire di delinquere»: lo ha sostenuto il presidente lombardo, Roberto Formigoni, in merito alle indagini che riguardano Boni e i vertici regionali.  «Ora - ha aggiunto il presidente - è molto più difficile delinquere in Regione Lombardia, perchè c'è una pluralità di sistemi di controllo». Martedì Boni riferirà in Consiglio regionale. Così il presidente Formigoni

(AUDIO)

Premiati da Monica Rizzi, assessore regionale allo Sport e Giovani, con la prestigiosa medaglia che riproduce la Rosa Camuna, diventata simbolo della Regione Lombardia, gli atleti del tris d'assi del nuoto lombardo paralimpico. Sono la cremonese Maria Bresciani, sette medaglie d'oro conquistate nel 2011 in competizioni di livello internazionale, la comasca Dalila Vignando e il lariano Gianluigi Franchetto. L’assessore allo Sport, Monica Rizzi

(AUDIO)

'Commercio sempre aperto' è il titolo del convegno organizzato dalla Cisl alla quale ha partecipato l'assessore al Commercio, Turismo e Servizi della Regione Lombardia Stefano Maullu. Dal dibattito è emerso che il settore distributivo in Italia e in Lombardia sta affrontando nuove sfide che necessitano di risposte adeguate per superare le criticità che emergono. Maullu ha spiegato che Regione Lombardia tra il 2006 e il 2010 ha messo a disposizione, in varie forme, circa 241 milioni di euro, tutti a garanzia del comparto del Commercio.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.