Bentrovati al nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Regione Lombardia lancia il suo portale open data: www.dati.lombardia.it. Messo a punto da Lombardia Informatica, utilizza la stessa piattaforma digitale americana e lo stesso format di quello del Governo degli Stati Uniti. Sul portale milioni di dati posseduti dalla pubblica amministrazione messi a disposizione di imprese, sviluppatori di App, e cittadini. Lassessore alla Semplificazione e digitalizzazione, Carlo Maccari, al microfono di Maria Chiara Grandis

-    Audio –

Regione Lombardia non farà pesare ai cittadini i pesanti tagli alla sanità imposti dal governo centrale. Lo  ribadisce il governatore Roberto Formigoni

-    Audio -

La crisi del mondo del lavoro e dell'occupazione spesso è percepita come prioritaria da opinione pubblica e sistema dei media che invece pongono in secondo piano la grave criticità in cui è precipitato il welfare: al contrario, proprio la capacità di offrire servizi a chi è in difficoltà economiche o di salute, è direttamente connessa al tema del lavoro e ne costituisce parte essenziale. E' questo lo scenario tracciato come sfondo del convegno 'Lo stato sociale in una fase di crisi economica - Fattore famiglia e piani di zona quale welfare' organizzato da Cisl di Lecco, al quale è intervenuto l'assessore regionale alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale Giulio Boscagli.  "La Lombardia - ha sottolineato l'assessore regionale - ha deciso di candidarsi ad essere da subito il primo vero laboratorio italiano di riforma del welfare: perché l'unico aspetto positivo della crisi è che mette tutti con le spalle al muro e obbliga ciascuno, nel rispetto dei diversi ruoli e competenze, ad assumere un atteggiamento propositivo e ad aprirsi alla possibilità di sperimentare forme innovative di risposta ai bisogni". "Nel 2011 - ha ricordato Boscagli - siamo riusciti sostanzialmente ad azzerare i tagli al sociale originariamente previsti e nel 2012 vedremo cosa e quanto sarà possibile recuperare in sede di assestamento di bilancio. Ma se ci limitassimo a questo, sarebbe una battaglia di retroguardia. Se vogliamo che il nostro Stato sociale sopravviva dobbiamo cambiarlo, creare un sistema di assistenza e previdenza integrativa che riesca a responsabilizzare i cittadini e le realtà sociali rispetto ai bisogni e ai costi del welfare, offrendo libertà di scelta rispetto ai percorsi di cura e assistenza alle persone e alle famiglie".

Continua il confronto in Comune a Milano sulla cessione di un’altra quota della Sea, la società che gestisce gli aeroporti milanesi. Come guarda a questa partita la Regione? Risponde Raffaele Cattaneo, assessore alle Infrastrutture e mobilità.

-    Audio –

È tutto, grazie per l’ascolto