Bentrovati al nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

1 milione gli anziani in Lombardia, su una popolazione di 10 milioni di residenti. Lo dicono i dati dell'associazione Auser presentati nel convegno “Invecchiamento attivo, una sfida e una risorsa per la comunità”. Per la Regione è intervenuta l'assessore alla Famiglia, conciliazione, integrazione e solidarietà sociale Carolina Pellegrini, a cui abbiamo chiesto come le istituzioni possono agire affinché la terza età sia davvero una risorsa per le persone e per la società:
(AUDIO)

Pronto il calendario dei periodi di divieto di spandimento degli effluenti di allevamento e dei fertilizzanti azotati, ai quali gli allevatori lombardi dovranno attenersi in vista della stagione invernale. Nello specifico il decreto della Direzione generale agricoltura fissa, per zone vulnerabili e non vulnerabili, un divieto di 90 giorni a partire dal 19 novembre al 16 febbraio. Solo in caso di spandimento di letame e di deiezioni di avicunicoli con particolari tenori di materia secca il divieto si riduce a 30 giorni, dal 15 dicembre al 15 gennaio. Per gli allevamenti che operano in zone vulnerabili si stabilisce un divieto di 120 giorni a partire dal 1 novembre a fine febbraio. "Come tutti gli anni - ha spiegato l'assessore all'agricoltura Giuseppe Elias - scatta per la stagione invernale il divieto allo spandimento degli effluenti. Anche quest'anno abbiamo voluto comunicare con largo anticipo i periodi di blocco per consentire agli agricoltori di prepararsi per tempo". I periodi di divieto sono consultabili sul sito della Direzione generale agricoltura: www.agricoltura.regione.lombardia.it.

Giuseppe Elias, assessore all'Agricoltura di Regione Lombardia, parteciperà domani, martedì 6 novembre, a Milano, alla conferenza stampa di presentazione dei dati congiunturali del III terzo trimestre del 2012 per quanto riguarda il comparto agricolo. Verrà compiuta un'analisi dettaglia sui settori vitivinicolo e suinicolo. Appuntamento: ore 12, Unioncamere Lombardia (via Oldofredi, 23 - Milano).

Sarà sottoposto alla prossima riunione di Giunta, che si terrà dopodomani, mercoledì 7 novembre, il nuovo Piano aria (Pria) della Regione Lombardia. Lo ha annunciato l'assessore all'Ambiente, Energia, Reti, Sistemi Verdi e Paesaggio Leonardo Salvemini, ricordando l'impegno preso già la settimana scorsa in occasione della Cabina di regia organizzata dalla Provincia di Milano. "Si tratta di un piano ambizioso, come richiesto dalla gravità del problema che ci troviamo ad affrontare - ha detto Salvemini – ma siamo sicuri che, anche a fronte dell'ampia diffusione che intendiamo dargli, e, quindi, dell'elevato grado di condivisione con la società civile, potrà essere accettato da tutti gli attori coinvolti". L'assessore ha anche ribadito come il Piano sia frutto di un ampio percorso di ricerca scientifica, che ha via via affinato gli strumenti e individuato le reali fonti emissive, e che dunque ha permesso di arrivare a definire nel dettaglio i costi e i benefici di ciascuna misura, sia in termini economico-sociali che di impatto sulle fonti emissive. "Tra l'imponente mole di ricerca da cui trae spunto il Pria – ha commentato - è stato fondamentale lo studio che la Regione aveva commissionato al JRC di Ispra, con un investimento di oltre 6 milioni di euro, e che è stato presentato alla stampa e al pubblico già nell'ottobre del 2011, ricevendo apprezzamenti molto vasti".

Ed è tutto. Grazie per l’ascolto.