Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

La Lombardia e anche altre Regioni sono pronte a presentare ricorso alla Corte Costituzionale contro il decreto Balduzzi e il taglio dei posti letto ospedalieri. È quanto preannuncia il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, a margine del convegno di Nord Italia Translant. «Ho definito il provvedimento Balduzzi - spiega - un errore e un orrore, che scatena un'azione di tagli specialmente sulle Regioni più virtuose. Noi siamo una Regione in pareggio, che sta raggiungendo tutti gli obiettivi, e quindi abbiamo diritto di governare la sanità secondo le esigenze dei nostri cittadini, e non sulla base di regole esterne imposte da Roma secondo una visione centralista che riporterebbe inefficienza». Per questo motivo la Lombardia «ha gia preannunciato ricorso alla Corte Costituzionale - continua Formigoni - contro questo decreto, che è palesemente incostituzionale perchè viola le competenze regionali stabilite dalla Costituzione, e sono convinto che la Consulta ci darà ragione».

"La scuola italiana deve promuovere una didattica per competenze piuttosto che della conoscenza, per formare figure professionali adeguate alle necessità del mercato che cambia". Lo ha spiegato l'assessore all'istruzione, formazione e cultura Valentina Aprea intervenendo alla presentazione del "Rapporto 2012 sulla domanda di competenze professionali richieste dalle imprese ai diplomati tecnici" presentato da Confindustria Lombardia, che ha intervistato oltre 200 aziende. "Competenze che – per l'assessore Aprea – non sono tenute in considerazione nelle modalità di selezione dei docenti nel nostro Paese", come nel caso del concorso pubblico al quale si sono iscritti 320 mila insegnanti di ogni età. Sentiamo

(AUDIO)

Sono tredici i milioni di euro che la Giunta regionale lombarda si appresta ad assegnare a Province e Comuni per la realizzazione di progetti per la sicurezza stradale. Lo ha annunciato l'assessore alla Polizia locale e Sicurezza Nazzareno Giovannelli, intervenendo, a Palazzo Marino, al convegno organizzato dall'Associazione vittime della strada 'Dalla parte delle vittime della strada. Quali politiche urbane, locali e nazionali'.

Oltre 10.000 veicoli controllati; 4.200 conducenti sottoposti a test alcolemici, quasi 2.000 verbali emessi per infrazioni al codice della strada, 159 patenti ritirate e 109 veicoli fermati e sequestrati. E un dispiegamento di forze davvero notevolissimo. Sono stati infatti 34 i comandi di Polizia locale capofila che, grazie alla collaborazione di tutte le altre Forze dell'Ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Forestale) sono riusciti a coordinare le operazioni e dettagliare le modalità di intervento e localizzazione dei posti di controllo messi in pratica dai 324 Comandi coinvolti in 441 comuni della Regione, nella notte fra sabato e domenica. L'edizione 2012, ha visto anche una formula inedita, vale a dire il coordinamento di tutti gli interventi dalla Sala Operativa della Protezione Civile della Regione Lombardia dove hanno assistito alla "macchina che si metteva in moto" in vista delle ore più "calde" anche il presidente Roberto Formigoni e l'assessore alla Sicurezza e Polizia locale, Nazzareno Giovannelli.

Regione Lombardia, le Province di Bergamo e Lecco, le Comunità Montane (Valle Brembana, Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera) e gli 11 Comuni coinvolti, con l'adesione delle società di gestione degli impianti, hanno sottoscritto un cronoprogramma che, con una dotazione economica di oltre 40 milioni di euro, metterà in atto, nei prossimi due anni, un profondo intervento di ammodernamento delle stazioni di risalita e delle loro strutture di accesso e collegamento. Il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni ha presentato così quello che ha definito "un progetto di grande respiro e lunghe vedute": quello, cioè, di creare, entro l'inizio del 2015, un unico vasto comprensorio sciistico, integrato e sinergico, a cavallo della Valsassina e della Valle Brembana.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.