Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Inizio d’anno scolastico regolare nelle zone colpite dal terremoto del maggio scorso. Nei Comuni colpiti dal sisma 55 istituti scolastici hanno registrato danni alle strutture. "La Regione si è mossa fin da subito -ricorda Carlo Maccari, assessore alla Semplificazione e Digitalizzazione della Regione Lombardia e vice commissario per il terremoto - con uno stanziamento di 5,1 milioni di euro per le scuole dichiarate inagibili ai quali sono stati aggiunti altri 2 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici. Con gli ulteriori 2 milioni stanziati per l'acquisto di moduli scolastici provvisori per Moglia e Poggio Rusco i fondi messi a disposizione dalla Giunta hanno superato i 9 milioni. Un impegno e uno sforzo straordinario per consentire ai ragazzi un regolare ritorno in classe".

Nel giorno della riapertura delle scuole in Lombardia, l'assessore regionale all'Istruzione Valentina Aprea torna a sollecitare il Governo affinché risolva definitivamente la questione del concorso per dirigenti scolastici, annullato dal Consiglio di Stato dopo il ricorso di alcuni partecipanti che ne hanno denunciato presunte irregolarità

(AUDIO)

Il diritto all'esenzione dal pagamento del ticket per le prestazioni ambulatoriali e per la farmaceutica nelle zone terremotate del Mantovano è da oggi riservato esclusivamente ai cittadini che abbiano avuto danni alle proprie abitazioni o alle proprie attività produttive, attestati da un'ordinanza di inagibilità o sgombero emessa dal proprio Comune. Lo ha deciso la Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Sanità Luciano Bresciani. Il provvedimento lombardo riguarda 34 Comuni della provincia di Mantova colpiti dal sisma nelle scorso mese di maggio, elencati nel Decreto legge 74 del 6 giugno 2012. La segnalazione di questa condizione avviene attraverso autocertificazione dell'avente diritto alla Asl, che registrerà l'esenzione.

L'auto elettrica e le sue prospettive di sviluppo. Questi i temi al centro del convegno 'Una scossa alla città. L'auto a emissioni zero (o quasi)', cui ha partecipato l'assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo. Un settore cui Regione Lombardia guarda da tempo con interesse e fiducia. "Stiamo facendo la nostra parte, per creare le condizioni più adatte alla diffusione dell'auto elettrica – ha spiegato Cattaneo - con azioni articolate su più fronti. Abbiamo infatti già da alcuni anni avviato un percorso che ha come obiettivo quello di creare una filiera del trasporto a impatto zero. Una filiera che ha il suo asse portante nel trasporto ferroviario e in cui i veicoli elettrici diventano a tutti gli effetti parte integrante del sistema del trasporto pubblico" Le postazioni di car sharin elettrico attive sono attualmente 22, l’obbiettivo è arrivare entro il 31 dicembre 2012 a quota 10.000 iscritti e 6.000 noleggi/anno.

Potrebbero essere state le difficoltà nel reperire fondi a spingere l'amministratore delegato di Autostrada Pedemontana, Bruno Soresina, alle dimissioni. All'assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione, Raffaele Cattaneo, abbiamo chiesto se il completamento dell'infrastruttura lombarda è a rischio

(AUDIO)

Regione Lombardia, con una dotazione di 720.000 euro, ha approvato il Piano annuale dei contributi al settore apistico. "Gli ambiti e le priorità di intervento - spiega l'assessore all'Agricoltura Giulio De Capitani – sono stati individuati di concerto con le associazioni apistiche lombarde. Finanzieremo l'assistenza tecnica in azienda, la lotta alla varroasi e alle patologie dell'alveare, l'aggiornamento dei tecnici tramite seminari di formazione, la partecipazione alla rete di monitoraggio coordinata dai Servizi veterinari, l'ammodernamento delle attrezzature per l'apicoltura nomade".

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.