Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

La Valtellina è più vicina a Milano e al resto della Lombardia attraverso la variante attesa per quasi trent'anni e realizzata in quattro di lavoro, nel totale rispetto ambientale. Nove chilometri della nuova SS38, che toglieranno il traffico dai centri abitati, rendendo più agevoli gli spostamenti sull'asse Lecco-Sondrio.

All’inaugurazione è intervenuto il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, sentiamo

(AUDIO)

Il primo tratto della variante aperto ieri è lungo 9,3 km e si snoda dallo svincolo di Fuentes e a quello di Cosio Valtellinese. L'opera, costata 240 milioni di euro, 90 dei quali finanziati da Regione Lombardia, è stata realizzata con un costante monitoraggio ambientale effettuato dall'Arpa Lombardia, per garantire il rispetto del territorio e l'inserimento dell'infrastruttura nel contesto della valle.

'Sono soddisfatto dell'intesa siglata  tra la società di Expo 2015 e la Rai, perché si tratta di un accordo che rafforza l'iniziativa intrapresa da Regione Lombardia di divulgare e promuovere i contenuti dell'esposizione universale ovvero 'Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita'. Un percorso di promozione che, come Regione Lombardia, abbiamo inaugurato lo scorso 7 luglio con l'evento alla Villa Reale di Monza, alla presenza del presidente della Repubblica, e che proseguiremo a ottobre, quando andremo a Bruxelles, al Parlamento europeo, per la prima tappa del World Expo Tour, a illustrare i contenuti tematici di Expo 2015'. Lo ha affermato il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, commentando l'intesa stipulata ieri, a Roma, tra la società di Expo 2015 e la Rai per la diffusione dell'Esposizione universale.

'Ho incontrato il ministro Massimo Bray per affrontare con lui alcune importanti questioni relative a iniziative culturali in Lombardia, anche in prospettiva di Expo 2015, e soprattutto per sottoporgli le nostre richieste concernenti la ripartizione dei contributi del Fondo unico per lo Spettacolo'. Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni al termine dell'incontro avuto, ieri pomeriggio, a Roma, con il ministro per i Beni e le Attività culturali Massimo Bray. Un incontro centrato in particolare sulla questione relativa alle modalità di ripartizione dei contributi nazionali a favore delle attività di spettacolo, tramite il Fondo unico per lo spettacolo (Fus).

'In un momento di crisi come quello che stiamo affrontando, ribadisco che la cultura può essere un ottimo strumento per creare un indotto economico e turistico, e in questo senso ci stiamo muovendo come Assessorato e come Giunta. Rifiuto dunque la frase che spesso si sente, per cui 'con la cultura non si mangia''. Così l'assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini, ha aperto il suo intervento ieri nella sede della Provincia di Monza e Brianza, dove si è recata per la quarta tappa  del progetto di Assessorato Itinerante 'Culture in Cammino''. L’assessore ha poi presentato l’ultimo bando della Regione che mette a disposizione quasi 3 milioni di euro per la cultura lombarda.

Alla presenza dell'assessore allo Sport e Politiche per i giovani di Regione Lombardia Antonio Rossi, è ripreso questa mattina, puntualmente alle 8, il servizio della funivia Margno-Pian delle Betulle. "Il servizio era stato bruscamente interrotto a metà luglio - ha detto l'assessore Antonio Rossi - e questa situazione aveva già cominciato ad arrecare disagi al territorio e alla sua economia. L'azione congiunta del mio Assessorato e di quello alle Infrastrutture e Mobilità, guidato dal collega Maurizio Del Tenno, e il lavoro sinergico con il Comune e la Comunità montana hanno portato a trovare un rapido e soddisfacente accordo con il nuovo gestore ITB, già operante nel settore, al quale è stato affidato l'impianto fino a settembre, scongiurando la definitiva chiusura della funivia e garantendo al territorio la continuità di un servizio di straordinario valore".

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.