Bentrovati a questo nuovo appuntamento informativo, realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

È ripreso regolarmente questa mattina il servizio della funivia Margno-Pian delle Betulle, in provincia di Lecco, sospeso bruscamente a metà luglio. Presenti alla prima corsa, partita alle 8, tra gli altri, l'assessore regionale allo Sport e Politiche per i giovani, Antonio Rossi, il presidente Comunità montana Alberto Denti, il sindaco di Margno, Massimiliano Malugani, e i vertici di ITB, il nuovo gestore del servizio funicolare che prende il posto della società ITA (Iniziative Turistiche Avanzate), che sospese il servizio per problemi di liquidità. “L'azione congiunta del mio Assessorato e di quello alle Infrastrutture e Mobilità, assieme al lavoro sinergico con il Comune e la Comunità montana  - ha detto Rossi - hanno permesso di trovare un rapido e soddisfacente accordo con il nuovo gestore, cui è stato affidato l'impianto fino a settembre, scongiurando la definitiva chiusura della funivia e garantendo al territorio la continuità di un servizio di straordinario valore". "La ripresa del servizio - ha aggiunto Rossi - è la dimostrazione che, quando si fa sistema tra i diversi livelli delle Amministrazioni pubbliche e i privati, i problemi si risolvono in tempi brevi e senza sprechi di risorse. Erano in gioco la stagione estiva e il bilancio degli operatori del turismo.”

E l'assessore Antonio Rossi sarà domani pomeriggio in provincia di Sondrio, a Bianzone, per partecipare alla conferenza stampa di presentazione della due giorni in bici con Alberto Contador denominata 'rhxdue'.L'evento, in programma sabato e domenica, è promosso da un team organizzativo che unisce Us Bormiese, Consorzio Turistico Media Valtellina, Consorzio Adamello Ski-Pontedilegno-Tonale, Adamello Free Bike e Vezza Bike insieme a zerorh+. Per i partecipanti ci sarà l'occasione, imperdibile, di scalare in bicicletta Gavia e Mortirolo insieme al campione spagnolo Alberto Contador,uno dei pochi ciclisti ad aver vinto le tre principali gare a tappe internazionali, Tour de France, Giro d’Italia e Vuelta di Spagna. Per maggiori informazioni sull’evento è possibile consultare il sito www.rhxdue.com.

"La cultura può essere un ottimo strumento per creare un indotto economico e turistico. Sbaglia chi dice che con la cultura non si mangia". Con queste parole si è aperta la quarta tappa del progetto dell'assessorato itinerante "Culture in cammino", con la visita ieri al Duomo di Monza e al museo dedicato alla Regina Teodolinda dell'assessore regionale alla Cultura, Identità e Autonomie, Cristina Cappellini. Una visita, come le precedenti, mirata alla valorizzazione del tesoro culturale e alla salvaguardia delle specificità del territorio e della città di Monza. Sentiamo l'Assessore Cristina Cappellini…

AUDIO

La Direzione generale Agricoltura di Regione Lombardia ha approvato la graduatoria finale delle domande ammesse a finanziamento per quanto riguarda il bando sulla promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi. Si tratta di oltre 3 milioni di euro, di cui circa 830.000 per la conferma dei progetti pluriennali e poco più di 75.000 per i progetti multiregionali. Sono state presentate 14 domande di contributo per progetti di promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi. Due, invece, i progetti multi regionali e due pluriennali. "Le eccellenze lombarde - ha spiegato l’assessore regionale all’Agricoltura, Gianni Fava - vanno promosse e difese, in particolare attraverso un'opera d’informazione e conoscenza, ancora più utile sui mercati esteri per difendere i nostri prodotti dall'attacco dei similari". Tra i beneficiari dei contributi il Consorzio Tutela Franciacorta Giappone, il Distretto del vino di qualità dell'Oltrepò Pavese, Confagricoltura, Berlucchi, Castello di Poggio e Consorzio Lugana.

In Lombardia da qualche anno sono presenti due pericolosi insetti di origine asiatica, innocui per l’uomo ma estremamente dannosi, a tratti mortiferi per gli alberi. Hanno nomi diversi, ma, essendo molto simili tra loro, sono entrambi noti con il nome comune di tarlo asiatico, dalla loro zona di provenienza. Si tratta di insetti che si nutrono di legno e sono capaci di attaccare, come adulto e come larva, ben 20 specie di alberi diverse, di norma latifoglie, ma, in alcuni casi, anche conifere, compromettendo la salute dell’albero e danneggiando la qualità del legno. Il tarlo asiatico si riproduce molto velocemente e con altrettanta velocità, dunque, si diffonde nel territorio, visibile tra giugno e settembre, e facilmente riconoscibile per le sue dimensioni (fino a 4 cm), le lunghe antenne e ali nere e lucide con macchie bianche. Regione Lombardia ha avviato anche quest’anno una campagna d’informazione su questo tema e invita chiunque avvistasse un tarlo asiatico a segnalarne la presenza chiamando il numero verde 800.138.138 oppure inviando una e-mail all’indirizzo tarlo asiatico@regione.lombardia.it. Per maggiori informazioni è possibile consultare il portale dei Regione Lombardia, sezione Agricoltura.


È tutto, grazie per l’ascolto.