Bentrovati a questo nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

L'Unione europea potrebbe far rientrare nelle sue casse entro dicembre 2013 i fondi inizialmente destinati all'agricoltura italiana. L'allarme “disimpegno automatico”, così si chiama il meccanismo, è stato lanciato dal commissario europeo per l'Agricoltura Dacian Ciolos e, dopo di lui, dal ministro delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo. "Le risorse restino qui" è invece l'appello dell'assessore regionale all'Agricoltura di Regione Lombardia Gianni Fava, che chiede che i 530 milioni di euro rimangano nel nostro Paese e possibilmente siano distribuite alle Regioni, come la Lombardia, che dimostrano grande capacità di programmazione e di spesa. "In questo quadro poco roseo per l'Italia - aggiunge Fava – Regione Lombardia, nei fatti, si conferma virtuosa e capace, avendo non solo impegnato tutti i fondi disponibili, ma raggiungendo il 71 per cento della spesa totale prevista". Regione Lombardia si rende da subito disponibile a mettere a disposizione la propria esperienza e organizzazione alle Regioni in difficoltà anche e soprattutto nella gestione della Politica agricola comunitaria.

È in corso oggi un sopralluogo dei cantieri della Teem, la Tangenziale Est Esterna di Milano, alla presenza dell'amministratore delegato Stefano Maullu e dell'Assessore regionale alle infrastrutture e trasporti Maurizio Del Tenno. E proprio Del Tenno, ai nostri microfoni, ha illustrato quali sono i prossimi passi in fase di realizzazione nel settore delle infrastrutture lombarde. Sentiamolo.

(AUDIO)

Alt ai cosiddetti “Compro oro” nelle vicinanze delle sale da gioco. L'assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Viviana Beccalossi annuncia le decisione di Regione Lombardia di vietare la presenza di questi esercizi commerciali nei pressi delle sale gioco. "I dati emersi dal 'Rapporto Italia 2013' di Eurispes parlano di un aumento vertiginoso e preoccupante del numero di italiani che si rivolgono ai 'Compro Oro' – così spiega l'assessore. - Non è  un caso, che, negli ultimi tempi, questi negozi compaiano sempre più spesso anche nelle vicinanze delle sale gioco, dove si concentrano fenomeni di disagio e disperazione che vedono queste attività come l'ultima spiaggia”. È per questo che uno dei pilastri della Legge sulla ludopatia e sul gioco d'azzardo che la Regione sta per varare prevederà il divieto di aprire questo tipo di esercizi a distanza inferiore ai 500 metri dalle sale gioco.

Ed è tutto. Grazie per l’ascolto.