Bentrovati a questo nuovo appuntamento informativo, realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Archiviato il Trittico lombardo, la tre giorni che ha portato il grande ciclismo internazionale sulle strade della Lombardia, la Regione guarda già ai prossimi appuntamenti sportivi. Si terranno dal 6 all'8 settembre, all'Aprica, in provincia di Sondrio, i Campionati italiani assoluti di Orienteering, che tornano in Lombardia dopo dieci anni. Venerdì 6 settembre si svolgerà una manifestazione promozionale; poi da sabato 7 settembre il via alle gare, con la prova long individuale e la staffetta, in programma domenica. Sentiamo l’assessore regionale allo Sport, Antonio Rossi…

AUDIO

Da lunedì e fino al 1° settembre, invece, all’Idroscalo di Milano è in programma la gara internazionale valida per il Campionato mondiale di Sci nautico disabili, patrocinato dall’assessorato allo Sport e Politiche per i Giovani di Regione Lombardia. All’evento prenderanno parte circa 1000 atleti provenienti da 18 Paesi di tutto il mondo, che si sfideranno in tre specialità: slalom, figure e salto. Lunedì il via alla settimana di appuntamenti all’Idroscalo con accrediti e classificazione delle categorie; martedì via agli allenamenti con la cerimonia d’apertura e il meeting ufficiale previsiti per mercoledì. Giovedì e venerdì spazio alle qualificazioni, sabato e domenica le finali, con la premiazione nell’area tribune dell’Idroscalo. Durante i giorni di gara, poi, si terranno esibizioni di vari sport praticati da atleti diversamente abili, tra cui tennis da tavolo e calciobalilla.

Regione Lombardia sta lavorando perché tutti i Comuni riescano a dotarsi di un piano di emergenza da seguire in caso di eventi e situazioni critiche o emergenziali. Lo ha spiegato l'assessore regionale alla Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione, Simona Bordonali, che ha sottolineato l'esempio del Mantovano, dove i sindaci che avevano adottato piani di emergenza condivisi con la cittadinanza e la protezione civile hanno saputo gestire al meglio una situazione catastrofica come il terremoto dello scorso anno. Sentiamo l’assessore Bordonali…

AUDIO

In Lombardia da qualche anno sono presenti due pericolosi insetti di origine asiatica, innocui per l’uomo ma estremamente dannosi, a tratti mortiferi per gli alberi. Hanno nomi diversi, ma, essendo molto simili tra loro, sono entrambi noti con il nome comune di tarlo asiatico, dalla loro zona di provenienza. Si tratta di insetti che si nutrono di legno e sono capaci di attaccare, come adulto e come larva, ben 20 specie di alberi diverse, di norma latifoglie, ma, in alcuni casi, anche conifere. Il tarlo asiatico si riproduce molto velocemente e con altrettanta velocità, dunque, si diffonde nel territorio. Visibile tra giugno e settembre, è facilmente riconoscibile per le lunghe antenne, le ali nere e lucide con macchie bianche su un corpo che può arrivare a misurare fino a 4 cm. Regione Lombardia ha avviato anche quest’anno una campagna d’informazione su questo tema e invita chiunque avvistasse un tarlo asiatico a segnalarne la presenza chiamando il numero verde 800.138.138 oppure inviando una e-mail all’indirizzo tarlosiatico@regione.lombardia.it.

È tutto, grazie per l’ascolto.