Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

"Un miliardo per tutte le Regioni è una stima per difetto: se la crisi non si aggraverà, per la sola Regione Lombardia le stime prudenziali parlano di 300 milioni di euro necessari da qui a fine anno. Ci sarà bisogno, dunque, di una cifra ulteriore". Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, ha chiesto al Governo italiano e al ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Elsa Fornero l'integrazione dei fondi per la cassa integrazione in deroga per il 2013. Lo ha fatto in occasione della seduta odierna del Consiglio regionale: nelle mani di Maroni la mozione bipartisan con cui l'aula ha invitato la Giunta regionale ad agire con la massima risolutezza nei confronti del Governo di Roma. La Lombardia chiede, inoltre, di anticipare le indennità per la cassa integrazione in deroga attraverso specifici
strumenti finanziari.

-    audio

Si apre il prossimo 23 aprile a partire dalle ore 12.00 la nuova iniziativa promossa da Regione Lombardia con il supporto di Finlombarda S.p.A. rivolta a tutte le Pmi del territorio lombardo per la diffusione di modelli organizzativi flessibili e strumenti utili a rispondere alle esigenze di conciliazione vita-lavoro dei lavoratori, grazie al supporto in loco di esperti di welfare aziendale e gestione delle risorse umane. Le imprese interessate al progetto hanno tempo fino alle ore 12.00 del 31 luglio 2013 per candidarsi a partecipare, collegandosi al sito di progetto www.finlombarda.it/conciliazionevitalavoro. E in merito all’iniziativa"Siamo convinti che la ripresa economica delle nostre imprese e la crescita della produttività passi anche dal benessere e dalla flessibilità organizzativa, nonché dal rispetto della conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti" ha dichiarato l'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia, Valentina Aprea. "Puntiamo a favorire la diffusione di buone prassi di welfare aziendale - ha continuato l'assessore - con l'obiettivo di supportare le Pmi del territorio nello sviluppo della propria competitività anche attraverso l'investimento sul capitale umano a loro disposizione. Senza dimenticare che le imprese che adottano strategie di flessibilità organizzativa beneficiano anche di vantaggi economici misurabili, ad esempio in termini di minori costi organizzativi, oltre che di vantaggi gestionali e di immagine. In sintesi: più produttività e competitività con più flessibilità".

L'assessore regionale all'Agricoltura, Gianni Fava, sarà domani, mercoledì 10 aprile, a Bruxelles per partecipare, in rappresentanza del presidente Roberto Maroni, a un incontro istituzionale dei Quattro motori per l'Europa. "E' il primo appuntamento ufficiale - ha detto l'assessore Fava – al quale un assessore della nuova giunta di Regione Lombardia si presenta in Europa, come forza territoriale, per dare voce alla rappresentanza della Macroregione del nord". Nell'arco della giornata l'assessore Fava avrà un incontro presso la delegazione di Regione Lombardia al Parlamento Europeo con i funzionari che si occupano specificatamente di politiche agricole in ambito comunitario. "Con loro - ha spiegato Fava - metteremo a punto le iniziative che prenderemo nelle prossime settimane: tra queste, innanzitutto la richiesta di calendarizzare una serie di incontri bilaterali tra le quattro regioni del Nord, che compongono la Macroregione, e gli organismi comunitari di rappresentanza".
 

È tutto, grazie per l’ascolto!