Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Ascoltare problemi, richieste e proposte. Dare risposte e offrire un'occasione di confronto sui temi concreti. Queste le finalità dell'incontro che si è tenuto ieri a Palazzo Lombardia fra il Governo lombardo e Anci. Numerose le richieste di attenzione avanzate dai Comuni lombardi per voce del presidente di Anci Lombardia, Attilio Fontana. In modo particolare, è stato posto all'ordine del giorno il problema del riassetto istituzionale degli Enti local. Al centro del confronto anche la questione dei Comuni lombardi colpiti dal terremoto. Fari puntati pure su Pgt, patto di stabilità, finanziamenti europei e altre questioni quali la governance del servizio idrico, gli interventi in materia sociale per affrontare le nuove povertà e le spese di assistenza per gli studenti disabili. Sentiamo il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni

(AUDIO)

Una legge speciale per Expo, 'sulla falsariga dei provvedimenti analoghi già adottati per il Giubileo e per le Olimpiadi di Torino' e la nomina di una commissario unico che abbia la fiducia sia di Regione Lombardia sia del Comune di Milano e 'che possa dedicarsi a tempo pieno alla manifestazione'. Sono queste le richieste comuni che il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni e il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, presenteranno al Governo nazionale. E' quanto hanno riferito gli stessi Maroni e Pisapia al termine di un incontro avvenuto nel pomeriggio di ieri a Palazzo Lombardia, durante il quale si è discusso anche degli Accordi di Programma che coinvolgono insieme Regione e Comune, di infrastrutture e di trasporto pubblico.

'Regione Lombardia farà il possibile per sostenere questo settore trainante dell'economia lombarda e nazionale, anche attraverso la richiesta al Governo di sgravi fiscali per gli arredamenti'. Lo ha detto Roberto Maroni ieri durante la visita al salone del Mobile in corso alla Fiera di Milano. Il governatore, definendo questo evento 'un fiore all'occhiello della produzione italiana e una vetrina per il mondo', ha sottolineato il difficile momento dell'economia: 'Nell'ultimo anno si sono persi un milione di posti di lavoro. Stiamo attraversando una crisi che non mostra segni di cedimento'.

Riduzione della pressione fiscale; sempre maggiore semplificazione e sburocratizzazione delle procedure di accesso ai bandi per le PMI; sostegno all'accesso al credito per le imprese attraverso strumenti finanziari adeguati; rispetto dei pagamenti dei fornitori a 60 giorni e, se possibile, riduzione ulteriore dei tempi. Sono questi alcuni degli impegni di Regione Lombardia per sostenere l'economia e le imprese che l'assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione, Mario Melazzini, ha voluto ribadire ieri durante la visita che ha effettuato  al Salone Internazionale del Mobile.

Fino al 6 maggio sono aperte le iscrizioni per partecipare ai 'Creative Camp in Lombardia'. E' on line infatti, sul sito www.itsastart.it, il bando di selezione per gli operatori del settore culturale e creativo che comprende attività legate alle arti visive e performative, di conservazione del patrimonio storico-artistico, così come attività legate all'architettura, al design, all'editoria, alla radiotelevisione, al cinema e ai videogiochi, alla pubblicità e alla comunicazione digitale. Un progetto lanciato dall'assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini

(AUDIO)

'I nostri obiettivi coincidono con esigenze  e specificità dei territori che rappresentiamo. Se stiamo dentro a un meccanismo di confronto a livello europeo in cui le linee prevalenti vanno in direzione opposta a questi interessi, noi ci opporremo, cercando di far sponda con altre realtà a noi simili. Questo vale, in generale, in tema di delocalizzazione delle imprese, che non possiamo più sopportare, e in particolare per quel che riguarda l'agricoltura: il nostro è un territorio a vocazione specifica, mentre il processo di 'greening', che trova ampio spazio in azioni e misure previste dalla Politica agricola Comunitaria, punta a favorire particolarmente i paesi del Nord Europa'. Gianni Fava, assessore regionale all'Agricoltura, sintetizza così il suo intervento ieri a Bruxelles, in occasione dell'Incontro istituzionale dei rappresentanti dei Quattro Motori d'Europa.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.