Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Rifinanziamento della Cassa integrazione in deroga, incontro oggi fra Finlombarda, il presidente della Regione Maroni e l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro, Valentina Aprea. I sindacati ci hanno richiesto l'impegno per anticipare la Cassa integrazione in deroga - ha osservato l'assessore Aprea - e noi lo abbiamo confermato. Ovviamente ci deve essere un primo passo da parte del Governo nazionale per lo stanziamento di somme certe'. Aprea ha poi sottolineato che si farà carico, in sede di trattativa nell'ambito della Conferenza Stato-Regioni, di discutere la percentuale di finanziamenti che toccheranno alla Lombardia: per ora è assegnato il 17 per cento dei fondi 'che giudichiamo assolutamente insufficiente, vogliamo arrivare almeno al 21-22 per cento'. In cifre, si parla di circa 300 milioni di euro, ai quali si deve aggiungere un'ulteriore parte, tutta a carico dell'Inps.

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha incontrato ieri nel suo ufficio i parenti delle vittime della strage del 18 aprile 2002, quando un piccolo aereo da turismo andò a schiantarsi contro il 26° piano di Palazzo Pirelli, uccidendo due avvocatesse della Regione e ferendo altre 70 persone. All'incontro con il presidente erano presenti anche alcuni di coloro che furono feriti, come Rosangela Capuzzo, che rimase gravemente ustionata nell'inferno del palazzo in fiamme.  Domani si terranno altri momenti di ricordo di quel tragico giorno. Il presidente della Regione Lombardia ha anticipato l'incontro con i dipendenti e con i parenti delle vittime, solo perché impossibilitato ad essere a Milano a causa della concomitanza con le votazioni per le elezioni del presidente della Repubblica.

Si è svolta a Brescia la prima riunione itinerante della giunta regionale. Ascolto delle esigenze del territorio, concretezza nelle risposte e condivisione delle soluzioni. Questo in sintesi il senso della riunione al Palazzo della Loggia. Fra i provvedimenti trattati la definizione di un protocollo con il Comune per interventi sperimentali in materia di sicurezza urbana, la situazione della contaminazione del sito Caffaro ma anche il convenzionamento per la metropolitana, gli interventi per la caccia, gli aeroporti, in particolare quello di Montichiari. L'assessore regionale alla Sicurezza e Protezione civile Simona Bordonali

(AUDIO)

La Giunta regionale ha approvato la proposta di Progetto di legge che riguarda i Comuni della Lombardia che si trovano nella situazione di aver solo avviato (218) o adottato (337) il Piano di governo del territorio (Pgt). Il documento, presentato dall'assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Viviana Beccalossi, prevede che questi Comuni regolarizzino la loro situazione e indica nella data del 30 giugno 2014 il termine ultimativo per concludere le procedure. Il Progetto di legge prevede altresì che, qualora lo ritengano necessario, i Comuni possano contare sul sostegno e la collaborazione dei tecnici della Regione o della loro Provincia per redigere il Pgt.

La medicina di genere rappresenta un obiettivo strategico per la sanità pubblica. La conoscenza delle specificità e delle differenze fisiologiche e sociali di genere favorisce una sempre maggiore adeguatezza e appropriatezza di cura - nell'ottica della medicina personalizzata e di una migliore tutela della salute - e quindi una maggiore sostenibilità economica del sistema sanitario. A questo tema fondamentale per il presente e per il futuro della sanità è dedicato il secondo convegno istituzionale promosso da Regione Lombardia su 'La salute della differenza - Percorsi verso una medicina di genere', che si è svolto ieri all'Auditorium Gaber di Palazzo Pirelli. Hanno aperto lavori il vice presidente e assessore alla Salute Mario Mantovani, l'assessore alla Casa, Housing sociale e Pari opportunità Paola Bulbarelli e il direttore generale Salute di Regione Lombardia Walter Bergamaschi.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.