Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Domenica 15 dicembre tutti i bambini scieranno gratis. È l'Open Day promosso dall'Associazione maestri sci italiani della Lombardia, in collaborazione con il Collegio regionale dei maestri di sci e la Regione Lombardia. Un'iniziativa giunta alla sua sesta edizione che vuole promuovere lo sport per i ragazzi e la bellezza delle montagne lombarde.  Durante la giornata i professionisti della neve lombardi saranno a disposizione per lezioni collettive gratuite di 2 ore dedicate ai bambini, dai 4 ai 13 anni, nelle discipline dello sci alpino, dello sci nordico, dello snowboard, del telemark e anche per minori diversamente abili. Sentiamo su questa iniziativa il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni

-    Audio -

"Il Governo ha finalmente riconosciuto, a seguito delle sollecitazioni delle regioni del Nord, la specificità meteoclimatica e orografica del Bacino Padano. Il testo di "Accordo di Programma per l'adozione coordinata e congiunta di misure di risanamento della qualità dell'aria" inviato alla firma del Presidente Maroni lo dice chiaramente". Così l'Assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi a commento del testo di Accordo la cui firma da parte di tutti i soggetti coinvolti è ormai imminente. "Questa è un'ottima notizia per la Lombardia - afferma l'Assessore - lo Stato prende finalmente atto dell'esigenza delle Regioni di coordinare gli interventi per combattere lo smog e di realizzarne di nuovi che richiedono un'azione a livello nazionale. Inoltre (e anche questo è scritto nero su bianco) il Governo s'impegna a rappresentare presso la Commissione Europea la specificità del Bacino Padano: questo è un passaggio indispensabile per attuare un comune impegno per la qualità dell'aria".

Un cofinanziamento di oltre 8,6 milioni di euro per sperimentare nuove iniziative a sostegno dei cittadini (residenti nei 16 Comuni ad alta tensione abitativa), che non riescono a pagare il canone di affitto sul libero mercato e si trovano in situazione di morosità incolpevole, legata quindi a eventi che hanno modificato le reali possibilità economiche della famiglia. E' questa la nuova misura approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Casa, Housing sociale e Pari opportunità Paola Bulbarelli. "La grave crisi economica - ha spiegato l'assessore - ha avuto, e continua a manifestare, ricadute estremamente negative sui redditi delle famiglie, che spesso faticano a sostenere i costi del canone di locazione, incorrendo in situazioni di morosità. Per questo abbiamo pensato a una misura che rendesse più incisiva la prevenzione e il contrasto degli sfratti per morosità nei Comuni dove c'è stato un notevole incremento di queste situazioni".

È tutto, grazie per l’ascolto