Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Sono iniziati ufficialmente i lavori di bonifica dell'Area ex Falck, a Sesto San Giovanni, su cui dovrebbe sorgere entro il 2019 la Città della Salute e della Ricerca, che diverrà la nuova sede per l'Istituto Nazionale dei Tumori e l'Ospedale Neurologico Besta. sarà un centro con 700 posti letto, un centro di cure diurne e ambulatoriali, una piastra diagnostica e un centro di ricerca tecnologicamente avanzato. Sentiamo ai nostri microfoni il vicepresidente di Regione Lombardia e Assessore alla salute Mario Mantovani.

-    Audio –

"La Regione Lombardia punta molto sulle università, che hanno un ruolo strategico nella ripresa economica. La grande alleanza tra Istituzioni, Regione, università e mondo delle imprese può rilanciare l'economia in Lombardia. Per questo voglio sentire dai rettori quali sono i problemi che hanno le università lombarde, problemi che intendo risolvere. Chiaramente non tutti i problemi dipendono dalla Regione, per esempio i tagli alle università vengono fatti dal Governo, ma mi voglio fare parte attiva con il Governo e il Parlamento sui problemi che oggi le università lombarde mi presenteranno". Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni al suo arrivo all'università di Bergamo, prima dell'incontro con i rettori delle 12 università lombarde. "Come possiamo sostenere, come Regione, le università? Principalmente in due modi – ha rimarcato il presidente Roberto Maroni -: investendo nella ricerca, cosa che intendiamo fare e infatti il nostro impegno in questi 5 anni è di raddoppiare gli investimenti regionali in ricerca e innovazione, portandoli dall'1,6 per cento del Pil regionale al 3 per cento, e poi facendoci carico dei problemi che le università hanno nei confronti del Governo e del Parlamento, mettendoci al loro fianco e sostenendoli nelle loro battaglie".

Oltre al tema fondamentale dell'agroalimentare (riso e vino in particolare), è necessario concentrare l'attenzione sul turismo legato a Expo, non solo quello che riguarda le famiglie, ma anche e soprattutto quello dedicato a far conoscere le realtà produttive del territorio. E' questo il messaggio lanciato a Pavia, dall'assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia Mario Melazzini, che è intervenuto, insieme al sottosegretario con delega a Expo della Regione Lombardia Fabrizio Sala, al Tavolo per lo sviluppo economico dedicato a Expo, promosso dalla Provincia di Pavia e dalla Camera di Commercio. "Expo è un momento fondamentale, che non possiamo mancare come territorio - ha affermato Melazzini - facendo emergere, attraverso un gioco di squadra, i valori e le realtà attrattive della provincia". "Esistono due tipi di turismo che vanno promossi - ha argomentato l'assessore - Il primo riguarda le famiglie con i relativi pacchetti, che permettano a chi arriva per Expo di raggiungere i luoghi meravigliosi della provincia di Pavia".

Raccogliere le sfide dell'internazionalizzazione e dell'innovazione, con un occhio di riguardo verso Expo 2015, mettendo in rete le aziende della filiera del pomodoro. Il progetto è di un gruppo di aziende piacentine che si sono messe in rete per promuovere la filiera lombardo-emiliana del pomodoro. "Pomorete" è stato presentato in Regione Lombardia alla presenza dell'assessore all'agricoltura Gianni Fava, il quale si è dichiarato interessato a capire se questa iniziativa, che porta la firma di privati, possa essere un modello mutuabile sul territorio lombardo.


È tutto, grazie per l’ascolto