Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Regioni del Nord riunite ieri a Palazzo Lombardia, per avviare un confronto sulle priorità da inserire nella Strategia dell'Unione europea per la Regione alpina (Eusar). "E' una grande sfida" ha commentato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni al termine del vertice che ha visto riuniti i presidenti (o loro delegati) di Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia-Giulia, Valle d'Aosta e delle Provincie autonome di Trento e Bolzano. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Maroni ha spiegato che, fra le sette Regioni, ci sarà "una strategia comune in vista di Expo", ma non solo, perché, ha osservato, "la Macroregione alpina sarà il futuro dell'Europa. Una novità, vera e importante, che serve a risolvere i problemi comuni che hanno tutte le regioni su cui insistono le Alpi".

Il movimento dei forconi e il ritorno in piazza degli allevatori "esprimono un disagio forte". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni a margine dell'incontro a Palazzo Lombardia, con i governatori delle sette Regioni italiane che fanno parte della Macroregione alpina.  "E' un disagio che va ascoltato" ha sostenuto il governatore, aggiungendo che "noi, come Regioni, siamo pronti ad ascoltare chi protesta e a intervenire se possibile, ma l'interlocutore per gli interventi legislativi che chiedono è il Governo nazionale".

Prende il via anche nelle province di Como, Lecco e Monza Brianza il progetto AlmaOrièntati - AlmaDiploma, già avviato nella provincia di Varese e in diverse altre zone d'Italia. E lo fa con la sottoscrizione  di un accordo tra l'Ufficio Scolastico Regionale, l'Assessorato all'Istruzione, Formazione, Lavoro di Regione Lombardia e con il Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. L'obiettivo è quello di fornire adeguati strumenti di orientamento agli studenti dell'ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado, per contrastare i fenomeni della dispersione formativa e dell'abbandono degli studi universitari. Sentiamo su questo l'assessore all'Istruzione, Formazione, Lavoro Valentina Aprea.

(AUDIO)

Un Protocollo d'Intesa per avviare iniziative formative comuni per gli studenti delle scuole lombarde e per sensibilizzare all'uso del treno come mezzo di trasporto alternativo ed ecologico. Lo hanno sottoscritto a Palazzo Lombardia l'amministratore delegato di Trenord Luigi Legnani e il direttore dell'Ufficio scolastico regionale Francesco De Sanctis alla presenza degli assessori regionali Valentina Aprea (Istruzione, Formazione e Lavoro) e Maurizio Del Tenno (Infrastrutture e Mobilità). Il Protocollo prevede diversi ambiti di collaborazione, che Trenord e Ufficio scolastico regionale inizieranno a realizzare fin dai primi mesi del 2014. Il primo obiettivo è quello di guidare gli studenti, dalle elementari alle superiori, a conoscere e riflettere su diversi temi, durante e oltre l'orario scolastico, con la creazione di itinerari formativi differenziati per fasce d'età. Nelle scuole primarie si insisterà molto sul tema sicurezza: nei programmi scolastici verranno inseriti moduli dedicati, appunto, alla sicurezza ferroviaria e saranno realizzate visite guidate a stazioni e treni, supportate da materiali didattici. Nelle scuole primarie e secondarie di primo grado si insisterà sull'educazione ambientale. Negli Its (Istituti tecnici superiori), infine, gli studenti saranno coinvolti in progetti, realizzabili attraverso stage, che favoriscano negli allievi l'acquisizione di competenze professionalizzanti nell'ambito della viabilità sostenibile. Trenord spende ogni anno circa 10 milioni di euro per riparare i danni causati dai vandali.

Obiettivo: valorizzare i territori, per sfruttare al meglio tutte le potenzialità di Expo, anche dopo l'Esposizione, soprattutto sotto il profilo turistico. E' la mission di Explora, la società creata da Regione Lombardia, Camera di Commercio ed Expo Spa, che è stata presentata in un convegno a Palazzo Turati. I lavori sono stati chiusi dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, che, dopo aver fatto i complimenti per le relazioni del presidente e del direttore generale della società Giuliano Noci e Josep Ejarque, centrate sulla necessità di andare incontro al turista senza aspettare che sia lui a sceglierci, ha confermato l'impegno di Palazzo Lombardia sotto il profilo dell'attrattività turistica. Oltre alla partecipazione in Explora, ha ricordato il governatore, da Regione "sono state assunte diverse altre iniziative in questa direzione. L'ultima è stata varata con una delibera di Giunta solo pochi giorni fa e si chiama 'Lombardia ConCretA', un acronimo di 'contributi al credito per turismo e accoglienza'. Una misura che, mettendo a disposizione risorse per l'abbattimento dei tassi di interesse e per creare un fondo di garanzia, creerà un effetto leva per 100 milioni di euro, che potranno essere sfruttati dalle imprese del turismo a partire dal prossimo marzo".

Ed è tutto, grazie per l’ascolto