Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

"Questa è una giornata importante. Proseguiamo sulla strada della realizzazione dell'evento. Abbiamo di fronte una triplice sfida: la prima è fare le cose nei tempi previsti e con i budget previsti; la seconda è quella di garantire il pieno rispetto della legalità: vogliamo un Expo mafia free e lo sarà; la terza è cosa fare dopo per evitare che l'enorme distesa che ospiterà la manifestazione sia un deserto. Siamo impegnatissimi su queste tre sfide e le vinceremo tutte".  E' quanto detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni intervenendo alla Cerimonia di consegna dei Lotti a 26 tra Paesi partecipanti e Corporate participants a Expo 2015. Nel corso della cerimonia il Commissario Giuseppe Sala ha consegnato anche a Maroni, oltre che ai 26 partecipati, una zolla di terra, simbolo della presenza di Regione Lombardia all'evento.

In occasione dei 500 giorni a Expo Milano 2015, domani, martedì 17 dicembre, Palazzo Lombardia, sede della Giunta regionale, aprirà il proprio Belvedere al pubblico. Dal 39° piano sarà così possibile osservare il panorama notturno di Milano, futura sede dell'Esposizione universale. L'ingresso per il pubblico sarà libero e comincerà dalle ore 18. L'ultima salita sarà alle ore 23.

Una sperimentazione tra la Regione e la Questura di Varese per combattere la violenza sulle donne. E' stata proposta durante la seconda seduta del Tavolo regionale permanente antiviolenza, a cui siedono rappresentati delle istituzioni e delle realtà del privato sociale che sul territorio lombardo si occupano del tema. Si chiederà alla Questura varesina di monitorare attentamente le situazioni identificate come a rischio, identificate attraverso segnalazioni anche di conoscenti o del personale del pronto soccorso. Ne parla ai nostri microfoni l'assessore alle pari opportunità Paola Bulbarelli

(AUDIO)

"Diciamo la verità agli agricoltori e non raccontiamo che questa Pac è un'opportunità. Comunque vada, per l'agricoltura del nord sarà un disastro". Con queste secche parole l'assessore regionale all'Agricoltura, Gianni Fava, ha gelato le aspettative degli agricoltori riuniti al Centro Agroalimentare di Verona per l'assemblea di Agrinsieme Veneto. Fava ha celebrato il buon lavoro che la Lombardia ha svolto con le altre regioni, come Veneto, Piemonte, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia, sottolineando, tuttavia, come il tentativo di uniformare il piano di intervento per aree simili in agricoltura sia andato a vuoto. Il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali – ha detto Fava - ha fatto sapere che la declinazione della Pac sulla base di forme a beneficio per territori omogenei o per regionalizzazione non avrà luogo. Questa intesa non ci soddisfa fino in fondo - ha commentato Fava – ma continueremo la nostra battaglia sui principi, facendoci carico della responsabilità che ci compete.

"Un incontro molto positivo, persino oltre le nostre aspettative". È questo il primo commento dell'assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini, all'indomani dell'incontro avvenuto a Parigi alla sede dell'Unesco. L'obiettivo era iniziare a programmare il Forum Internazionale per la Cultura e le industrie culturali che si terrà nel 2015 in Lombardia, nella Villa Reale di Monza, in occasione dell'Expo. Tra le iniziative già in cartellone per il Forum Unesco 2015, anche una grande mostra pittorica. Sentiamo l'assessore Cappellini.

(AUDIO)

Ed è tutto, grazie per l’ascolto