Bentrovati a questo nuovo appuntamento informativo, realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

È stato approvato il bilancio regionale 2014, il primo dell'amministrazione Maroni. Lo ha annunciato lo stesso governatore lombardo, che si è dichiarato soddisfatto per il lavoro fatto: “Nonostante il governo abbia tagliato alla Regione 300 milioni di euro, siamo riusciti a ridurre le tasse locali senza tagliare welfare e sanità” ha dichiarato Maroni. Tra le misure ricordate dal governatore: la prosecuzione dello sconto benzina, il taglio dei dirigenti, l'azzeramento dei ticket sui farmaci per 800mila anziani, del bollo auto per chi rottama veicoli inquinanti e dell'Irap per le nuove imprese giovanili. Sentiamo Maroni…

AUDIO

“Uno studio per il futuro sportivo dell'area Expo dalla fine del 2015, guardando alle strutture sportive di Monaco di Baviera, tra cui il Parco olimpico del 1972 e lo stadio Allianz Arena". Così l'assessore regionale allo Sport e Politiche per i giovani, Antonio Rossi, al termine della sua visita istituzionale in Germania, al fianco del console generale Filippo Scammacca del Murgo. "L'Allianz Arena - ha detto Rossi – è una struttura che può essere un modello per il futuro stadio di Milano, che dovrebbe sorgere proprio nell'area Expo. "Uno stadio nuovo è una priorità per Milano e per la Lombardia. La Regione – ha chiosato l’assessore - continuerà il suo tour in Europan per conoscere dall'interno le strutture più all'avanguardia e trasformare il dopo Expo nel rilancio dello sport e della pratica motoria a Milano e in Lombardia con impianti d'eccellenza".

"Oggi abbiamo siglato un Patto che è la via lombarda ai contratti di solidarietà, una legge che ci consente di rinnovare l'invito ai cittadini ad avere fiducia nelle istituzioni". Così l'assessore regionale all'Istruzione, Formazione e Lavoro, Valentina Aprea, ha commentato l'approvazione in Consiglio regionale del progetto di legge contenente "Misure a favore dei contratti e degli accordi sindacali di solidarietà", ora diventato norma. Il testo del provvedimento prevede che Regione Lombardia destini 2 milioni di euro al finanziamento della legge che sostiene i contratti di solidarietà per mantenere il più possibile i livelli occupazionali e professionali all'interno del sistema produttivo. La legge, nel dettaglio, favorisce anche la stipula di accordi sindacali tra imprese e lavoratori – compresi quelli con contratto a tempo determinato e parasubordinato - anche per le aziende che non rientrano nei regimi della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) e per le aziende artigiane quando la riduzione dell'orario di lavoro è almeno del 40% di quello normale. Il sostegno regionale viene concesso per un periodo massimo di 12 mesi e per ogni impresa non può superare i 100.000 euro all'anno. "Un provvedimento che i cittadini si aspettavano - ha sottolineato  Aprea - e che consentirà di trascorrere questo periodo finale dell'anno e le festività natalizie con una maggiore serenità per le famiglie che hanno vissuto e stanno confrontandosi con le difficoltà legate al mondo del lavoro".

Lotta alla contraffazione alimentare e massimo impegno per tutelare e salvaguardare il settore agricolo e agro-alimentare della Lombardia. Questi i punti cardine del lungo intervento del governatore, Roberto Maroni, pronunciato stamani all'Assemblea annuale del Consorzio Grana Padano, cui hanno partecipato anche gli assessori regionali al Territorio, Viviana Beccalossi, e all’Agricoltura,  Gianni Fava. Maroni ha confermato l'impegno della Giunta regionale nel difendere e promuovere la vocazione agricola della Lombardia. "Non solo perché – ha detto il governatore - siamo la prima regione agricola d'Italia e la seconda in Europa, ma anche perché questo è un settore che genera occupazione e produce ricchezza". Un mondo sul quale, però, gravano numerosi rischi, dalla nuova  programmazione europea alla concorrenza sleale, rappresentata dalla contraffazione alimentare. E proprio su questo punto Maroni ha ricordato che è targato Regione Lombardia il documento che, in vista di Expo, verrà sottoposto a tutti i Paesi europei, per fare fronte comune contro questo fenomeno. "Ogni anno - ha ricordato Maroni - vengono venduti prodotti che sembrano italiani senza esserlo, per un giro di affari da 60 miliardi di euro, una cifra pari a tutto l'export agroalimentare del nostro Paese. Noi siamo impegnati per cercare di frenare questo fenomeno". “Il modello del Consorzio del Grana Padano – ha aggiunto l’assessore all’Agricoltura, Gianni Fava, rappresenta il riferimento per la crescita e la valorizzazione di uno dei simboli del Made in Italy agroalimentare. La missione è ora quella di tutelare la Dop e contrastare l’agropirateria. L'export sarà una delle chiavi di sopravvivenza - ha concluso l’assessore -  insieme alla forza della cooperazione, altro elemento positivo nella filiera".

È tutto, grazie per l’ascolto.