Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Le sei Regioni del nord Italia - Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto, Valle d'Aosta e Friuli Venezia Giulia - insieme alle Province autonome di Trento e Bolzano hanno firmato ieri l'accordo di programma con il governo per coordinare le misure anti-inquinamento nel Bacino Padano. La firma è avvenuta nel pomeriggio a Milano, alla presenza del ministro dell'Ambiente, Andrea Orlando, del presidente della Lombardia, Roberto Maroni, e di rappresentanti di ciascuna amministrazione coinvolta. Entro gennaio, si legge nella sintesi dell'accordo già firmato a Roma dai vari ministeri, saranno attivati gruppi tecnici di lavoro fra i diversi livelli di governo, prevedendo entro la metà dell'anno prossimo le prime proposte operative. Maroni ha salutato l'accordo fra Giunte di diverso colore politico come «l'attuazione del metodo» della cosiddetta macroregione.

"Nuove qualificate risorse umane per la nostra montagna che, in vista di Expo, si fa sempre più accogliente e fruibile". L'ha detto l'assessore allo Sport e Politiche per i giovani di Regione Lombardia Antonio Rossi. Occasione è stata la consegna dei diplomi alle Guide alpine-maestri di alpinismo e alle aspiranti Guide alpine e quella delle targhe ai rifugi che hanno ottenuto, per il 2014, il marchio di qualità 'Q-Ospitalità italiana'. Regione Lombardia conferma così la sua attenzione per la montagna, recentemente confermata anche dal bando di 2 milioni e mezzo di euro per gli impianti di risalita. Sentiamo ai nostri microfoni l'assessore Antonio Rossi.

(AUDIO)

Inaugurato ieri a Gavardo (Brescia), il nuovo Pronto soccorso e i nuovi reparti dell'ospedale cittadino, presidio sanitario di un bacino di utenza di circa 130.000 cittadini tra la Val Sabbia e l'Alto Garda. Col presidente della Regione Roberto Maroni erano presenti, tra gli altri, anche gli assessori regionali Viviana Beccalossi (Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo), Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione) e Alberto Cavalli (Commercio, Turismo e Terziario). "Il Governo sta facendo una manovra economica che penalizza i Comuni e le Regioni: solo per la Regione Lombardia è stato previsto un taglio di 300 milioni di euro, che rischiava di mettere a repentaglio alcuni servizi, ma noi abbiamo fatto la scelta di non penalizzare i servizi per i cittadini, soprattutto nella sanità".

Il vice presidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia Mario Mantovani ha inaugurato ieri le nuove Sale parto e il Nido del Presidio Ospedaliero di Iseo, in provincia di Brescia. "La ricchezza dei piccoli ospedali – ha sottolineato l'assessore alla Salute Mantovani - è anche in quel clima di familiarità che fa da sfondo alla professionalità e all'eccellenza clinica. Poter offrire un ambiente eccellente è, inoltre, anche espressione di buona sanità". Dal 2003 sono stati più di 800 l'anno i parti effettuati presso l'Unità di Ginecologia e Ostetricia dell'ospedale di Iseo e nel 2013 in particolare ne sono stati eseguiti 870, a fronte di un'attesa stimata dall'Istat di circa 500. Adesso i posti letto sono 18, le culle del nido 15 a cui aggiungere quella per la patologia neonatale immediata. Un incremento costato circa 200mila euro.

L'assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini effettuerà domani, sabato 21 dicembre, l'ottava tappa dell'assessorato itinerante 'Culture in cammino'. L'appuntamento di sabato prevede tre appuntamenti che si apriranno alle 9.30 con il mantenimento della promessa di ammirare di persona l'Atelier 'Carlo Colla e figli' a Milano che, con le sue marionette, ha conquistato anche il pubblico americano nella recente trasferta oltre oceano. Nel pomeriggio, alle 14.30, l'assessore visiterà 'Wow Spazio Fumetto - Museo del Fumetto e dell'Immagine animata' in viale Campania 12 a Milano e quindi concluderà la giornata, alle ore 16.45, ammirando gli spazi del 'Museo del Giocattolo e del Bambino' di via Rodari, 3 a Cormano (Mi).

Ed è tutto, grazie per l’ascolto