Bentrovati a questo nuovo appuntamento informativo, realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

1- No a fuoripista e all'uso delle motoslitte in questi giorni in montagna. E' l'appello del governatore lombardo Roberto Maroni e dell'assessore alla sicurezza e protezione civile Simona Bordonali: “una precauzione indispensabile, hanno dichiarato, per evitare valanghe ed evitare possibili incidenti a cose o persone". "Le precipitazioni degli ultimi giorni hanno determinato notevoli accumuli nevosi che possono superare il metro di altezza. Nei prossimi giorni è pertanto assolutamente sconsigliato muoversi in montagna al di fuori delle piste da sci segnalate e presidiate" ha raccomandato l'assessore Bordonali all'indomani dell'emergenza causata dal maltempo negli ultimi giorni. Una raccomandazione finalizzata non solo ad assicurare la propria incolumità ,ma anche quella di coloro che potrebbero essere travolti da valanghe provocate da altri escursionisti. “Ai sindaci dei Comuni montani – è la richiesta di Bordonali - chiediamo di predisporre un'ordinanza, in modo che, nelle aree più a rischio valanghe, si impedisca l'utilizzo delle motoslitte, per evitare l'aumento del pericolo di distacchi di neve". A chi sta per mettersi in viaggio verso le località sciistiche della Lombardia l'assessore Bordonali ha raccomandato di consultare i siti internet che contengono informazioni aggiornate e dettagliate sulla situazione nevi: www.protezionecivile.regione.lombardia.it e www.aineva.it.

Il closing finanziario della teem e della Brebemi sono solo gli ultimi due passi importanti portati a termine dall'assessorato alle infrastrutture e trasporti della Lombardia. Molte sono le opere infrastrutturali in corso, ma molti anche i piccoli interventi che assicurano un sistema dei trasporti lombardi efficiente. L'assessore Maurizio Del Tenno,  intervenuto ai nostri microfoni, traccia un bilancio del lavoro del suo assessorato in questo 2013. Sentiamolo.

(AUDIO)

Facilitare le modalità di 'fare impresa'; assicurare le garanzie sanitarie richieste dai Paesi che importano i nostri prodotti alimentari; tutelare i consumatori attraverso la promozione di 'piani sanitari' per il controllo dei rischi legati a produzione e consumo di alimenti di origine animale. Sono questi gli obiettivi della delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta del vice presidente e assessore alla Salute della Regione Lombardia Mario Mantovani, dedicata al "coordinamento, trasparenza e semplificazione dei controlli nel settore della sicurezza alimentare e della sanità pubblica veterinaria".
 Cinque le principali azioni previste dal provvedimento: coordinamento delle Autorità competenti; organizzazione e trasparenza dei controlli sanitari; autocontrollo semplificato per le microimprese del settore alimentare; dematerializzazione del 'Passaporto bovino', per ridurre oneri e adempimenti in capo sia agli Allevatori sia alle ASL; certificazione dei requisiti sanitari del latte destinato alla produzione di latticini per l'esportazione, per facilitare l'export verso i paesi extraeuropei.

A meno di due mesi dall'apertura del bando, sono 170 le imprese che hanno già presentato domanda per accedere alle agevolazioni previste da Regione Lombardia per Start up e Re Start up. Alle domande già formalizzate vanno aggiunte 987 domande in bozza. I primi 9 business plan sono già stati approvati. I progetti ammessi hanno un valore complessivo di oltre 1,8 milioni di euro, a fronte di finanziamenti regionali pari a circa 1 milione. Hanno inoltre presentato la propria candidatura come fornitori di servizi per le imprese del programma oltre 91 soggetti, e 44 le candidature già approvate. Lo rende noto l'assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia Mario Melazzini. "Il grande successo di questi bandi - spiega Melazzini - dimostra che il programma innovativo e sperimentale che abbiamo lanciato due mesi fa risponde a un bisogno sentito e reale del mondo produttivo lombardo. C'è un grande fermento di idee e di progetti per nuove imprese ad alto contenuto tecnologico e innovativo: questo è un segnale estremamente positivo, che ci spinge a proseguire su questa strada. Gli investimenti in ricerca e innovazione sono una leva fondamentale per uscire dalla crisi".

E', tutto grazie per l'ascolto