Bentrovati al nostro appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Meno burocrazia per un servizio più efficiente. E' l'obiettivo del provvedimento approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore all'Ambiente, Energia e Reti Leonardo Salvemini, che semplifica le procedure per il rinnovo delle concessioni dei pozzi d'acqua. "Le Province - spiega Salvemini - hanno più volte manifestato preoccupazione e dichiarato di trovarsi in difficoltà nel far fronte agli adempimenti amministrativi dei rinnovi di oltre 20.000 concessioni che si avvicinano alla scadenza. Regione Lombardia ha così deciso di studiare e avviare una serie di procedure semplificate, affinché, da una parte, i gestori dei pozzi possano usufruire di una proroga temporale per l'istanza di rinnovo e, dall'altra, le Province possano accelerare l'iter di verifica e di rilascio delle concessioni". Dei pozzi interessati, oltre il 60 per cento viene utilizzato per uso irriguo-agricolo, mentre il 40 per cento per usi potabili e industriali. "Sollecitati anche dalle associazioni di categoria - aggiunge Salvemini - abbiamo deciso di introdurre l'autocertificazione e una gestione informatizzata e digitale del sistema. Si tratta di un piccolo provvedimento, ma che risulta di fondamentale importanza. Troppo spesso infatti consideriamo l'acqua un bene da dare per scontato, mentre la sua gestione è complessa e articolata e va seguita con attenzione". Regione Lombardia è arrivata a razionalizzare il 99% delle autonomie scolastiche: dalle 1224 del 2012 in corso si passerà a 1151 per il 2013, con una riduzione di 53. “Nessun plesso scolastico è stato soppresso, si è invece provveduto ad accorpare le strutture” precisa l'assessore all'Istruzione e Formazione Valentina Aprea, alla quale abbiamo chiesto quali saranno per le famiglie i vantaggi della nuova organizzazione delle scuole

-    audio –


Rifugi.lombardia.it per tutte le informazioni sui rifugi lombardi che aprono le porte agli escursionisti per il periodo natalizio: sono 41 quelli che hanno aderito all'iniziativa promossa da Assorifugi, sparsi fra le province di Brescia, Bergamo, Como, Sondrio, Lecco e Varese. L'assessore allo Sport e giovani della Regione, Filippo Grassia

-    audio –

La situazione attuale e le prospettive per il prossimo futuro della Fondazione regionale per la ricerca biomedica e del Nerviano medical sciences (Nms) - per quest'ultimo legate soprattutto al piano industriale e all'intesa con Unicredit per la ristrutturazione del debito - sono stati gli argomenti al centro di una riunione di lavoro che si è svolta a Palazzo Lombardia, alla quale hanno partecipato l'assessore regionale alla Sanità Mario Melazzini, i vertici dei due enti, la Rsu del Nerviano medical sciences e i rappresentanti di Finlombarda. Melazzini ha ribadito ancora una volta l'impegno di Regione Lombardia a valorizzare la Fondazione per la ricerca biomedica e, di conseguenza, il Centro di Nerviano, ricordando come sia necessario "avere piena consapevolezza dell'obiettivo comune, a cui tutti devono contribuire non tanto secondo una logica di sacrifici, ma di investimento per garantire l'oggi e lavorare sul domani del Centro". "Per questo - è stato l'appello di Melazzini - è necessario proseguire nelle trattative e arrivare a un quadro unitario tra azienda e lavoratori, per perfezionare il piano industriale".

È tutto, grazie per l’ascolto