Bentrovati al nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia



Voucher per cofinanziare piani di ristrutturazione aziendale, con un plafond per almeno 150 piccole e medie imprese, l'avvio di un fondo di garanzia per l'accesso al credito di chi aderisce a Raid e, infine, l'istituzione di un fondo per la ristrutturazione delle aziende in difficoltà mediante un ingresso temporaneo nel loro capitale. Sono le tre iniziative allo studio che il presidente Roberto Formigoni ha annunciato al convegno 'Crisi d'impresa e strategie di risanamento: le principali novità in materia fallimentare e le prime evidenze giurisprudenziali - il progetto di Regione Lombardia RAID', tenutosi nell'Aula Magna del Palazzo di Giustizia di Milano su iniziativa dell'Ordine degli avvocati di Milano e della stessa Regione Lombardia. "Raid"  è uno strumento innovativo e unico in Italia a sostegno delle imprese in difficoltà,  che si propone di contribuire al loro rilancio. L'Ordine degli Avvocati di Milano ha aderito a questo progetto siglando con Regione Lombardia un protocollo il 26 aprile 2012.

Regione Lombardia lavora su un nuovo strumento per sostenere le donne vittime di tratta. Lo anticipa l'assessore alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e solidarietà sociale Carolina Pellegrini...

-    audio –

Non ci sarà nessun taglio di posti letto e di servizi nelle strutture sanitarie della Lombardia nel 2013. E' quanto stabilisce la delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Sanità Mario Melazzini, che recepisce il provvedimento nazionale della cosiddetta 'spending review'. Sarà poi la nuova Giunta a farsi carico dell'attuazione di questo provvedimento. Sentiamo Melazzini...

-    audio –

Meno burocrazia per un servizio più efficiente. E' l'obiettivo del provvedimento approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore all'Ambiente, Energia e Reti Leonardo Salvemini, che semplifica le procedure per il rinnovo delle concessioni dei pozzi d'acqua. "Le Province - spiega Salvemini - hanno più volte manifestato preoccupazione e dichiarato di trovarsi in difficoltà nel far fronte agli adempimenti amministrativi dei rinnovi di oltre 20.000 concessioni che si avvicinano alla scadenza. Regione Lombardia ha così deciso di studiare e avviare una serie di procedure semplificate, affinché, da una parte, i gestori dei pozzi possano usufruire di una proroga temporale per l'istanza di rinnovo e, dall'altra, le Province possano accelerare l'iter di verifica e di rilascio delle concessioni". Dei pozzi interessati, oltre il 60 per cento viene utilizzato per uso irriguo-agricolo, mentre il 40 per cento per usi potabili e industriali. "Sollecitati anche dalle associazioni di categoria - aggiunge Salvemini - abbiamo deciso di introdurre l'autocertificazione e una gestione informatizzata e digitale del sistema. Si tratta di un piccolo provvedimento, ma che risulta di fondamentale importanza. Troppo spesso infatti consideriamo l'acqua un bene da dare per scontato, mentre la sua gestione è complessa e articolata e va seguita con attenzione".

È tutto grazie per te