Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia
Opere pittoriche e prodotti enogastronomici insieme, per coniugare due diverse forme culturali di cui è ricca la nostra regione. Sarà questo il cuore della rassegna “Arte e Vino” organizzata nella splendida Villa Trecchi di Maleo (Lodi) nei fine settimana dal 14 al 16 giugno e dal 21 al 23 giugno. Una manifestazione giunta ormai alla nona edizione, organizzata dall'Amministrazione comunale di Maleo e patrocinata dalla Regione. Alla presentazione è intervenuta l'Assessore alle culture identità e autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini...

-    Audio -
Il Consiglio regionale della Lombardia ha votato all'unanimità il documento che sostiene l'iniziativa della Giunta regionale in merito alla richiesta dello stato di calamità per l'agricoltura lombarda colpita dal maltempo. Documento che sarà trasmesso ora al presidente del Consiglio dei ministri, al ministro delle Politiche agricole, ai presidenti dei due rami del Parlamento e a tutti i parlamentari eletti in Lombardia, affinché sostengano con forza le istanze provenienti dal territorio lombardo. Soddisfazione è stata espressa oggi nel corso della seduta dell'Assemblea regionale dall'assessore all'Agricoltura Gianni Fava, a cui i Gruppi consiliari hanno riconosciuto di aver seguito l'evolversi della situazione del comparto con determinazione e tempestività. "Si afferma il principio per cui il nemico è fuori - è il commento dell'assessore Fava -: per la prima volta in Lombardia su un tema di questa importanza si trova una sostanziale unanimità, che va al di là delle polemiche, e si crea una situazione per cui il Consiglio regionale compatto riconosce una criticità lombarda come una priorità di tutti, a prescindere dagli schieramenti. Credo sia un dato molto positivo. Ora la partita si sposta su un altro tavolo. Mi auguro che la presa di coscienza generale di tutto il sistema politico lombardo possa servire al Governo, per trovare una risposta in temi rapidi alle nostre pressanti e importanti richieste".

 "Porteremo all'attenzione del Ministero dello Sviluppo economico la situazione del Gruppo Marcegaglia, ben sapendo che la situazione di particolare difficoltà dell'azienda è relativa esclusivamente allo stabilimento di Graffignana (Lodi) e non coinvolge le altre sedi lombarde". E' quanto ha dichiarato l'assessore regionale all'Istruzione, Formazione e Lavoro Valentina Aprea, intervenuta in Consiglio regionale, per rispondere in sede di question-time all'interrogazione presentata dal consigliere Pietro Foroni, che chiedeva alla Giunta regionale come intenda intervenire a fronte della situazione di esuberi dello stabilimento di Graffignana. La crisi che coinvolge l'insediamento produttivo del Lodigiano dipende da una riduzione dei volumi produttivi del 75 per cento dal 2008 a oggi.
"In questo quadro l'azienda - ha spiegato l'assessore Aprea- che, a oggi, impiega a Graffignana 112 lavoratori, ha sottoscritto un accordo sindacale, per attivare una mobilità volontaria per 69 posizioni lavorative, al fine di incentivare uscite volontarie entro il 30 settembre 2013 e consolidare la forza lavoro che prosegue l'attività". Regione Lombardia, tramite Arifl (Agenzia regionale per l'Istruzione Formazione e Lavoro) ha svolto l'esame congiunto della richiesta di mobilità con esito positivo.
"L'accordo sindacale – ha sottolineato l'assessore durante il suo intervento – stabilisce che, se non vi fossero le uscite volontarie sufficienti e alla scadenza della Cigs (5 febbraio 2014) vi fosse ancora personale eccedente, le parti hanno convenuto di affrontare la situazione con ulteriori ammortizzatori sociali".
"Azienda e organizzazioni sindacali hanno ben analizzato i Piani aziendali- ha concluso l'assessore Aprea - e hanno agito con grande serietà, garantendo con l'accordo stipulato il mantenimento dei livelli occupazionali e un reddito di sostegno, pur in presenza di esuberi significativi. Come tutte le altre crisi industriali presenti in Lombardia, anche questa situazione viene e verrà monitorata". Il Gruppo Marcegaglia è presente in Lombardia con diversi stabilimenti tra cui Boltiere (Begamo), Sesto San Giovanni (Milano), Graffignana (Lodi), Gazoldo Degli Ippoliti (Mantova), Contino (Mantova), Casalmaggiore (Cremona), Lainate (Milano), Corsico (Milano).
Un sì senza remore all'impiego del personale delle Forze armate a presidio del territorio lombardo, in particolare laddove persistono aree di degrado. E' questo il senso della risposta che l'assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione Simona Bordonali ha dato in Aula consiliare, rispondendo a un'interrogazione a risposta immediata.  "A seguito del lungo elenco di reati che si sono verificati in particolare a Milano nell'ultimo periodo, confermati peraltro anche dai dati del questore – ha detto l'assessore - ritengo importante e improcrastinabile che il personale delle Forze armate sia presente su tutto il territorio lombardo. La loro presenza è un importante deterrente nei confronti della criminalità. La presenza capillare dei militari impiegati nel presidio e nel pattugliamento è infatti le prima forma di prevenzione".
È tutto, grazie per l’ascolto