Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

La Lombardia è la prima Regione italiana che mette a disposizione della Corte dei Conti l'accesso informatico al sistema di contabilità regionale. Obiettivo dell'accordo è la trasparenza, agevolando la raccolta dati necessari ai funzionari della Corte dei Conti per il giudizio di parificazione del rendiconto regionale. Il protocollo d'intesa è stato firmato dal Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e il presidente della Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti per la Lombardia Nicola Mastropasqua. Sentiamo il presidente Maroni

-    Audio –

Preavviso di diniego per la discarica di cemento amianto nell'ex cava di calce a Cacosio di Sedrina (Bg). Questo l'esito della Conferenza dei Servizi tenutasi oggi presso gli Uffici di Regione Lombardia in merito al progetto presentato da Unicalce. "Il sito non è sufficientemente distante dai centri abitati - spiega l'assessore regionale all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi -. Quella rispetto alla discarica di Sedrina è una decisione eminentemente tecnica, che dipende dal rispetto della normativa vigente, e non certo dalle decisioni della Giunta lombarda. Ma, senza dubbio, la questione, per l'impatto consistente che ha sul territorio, riveste per me un'importanza notevole: per questo motivo la sto seguendo passo per passo". Il proponente ha 10 giorni di tempo per controdedurre, risolvendo le cause ostative.

L'Unione europea consenta di escludere dal Patto di stabilità la realizzazione di lavori pubblici fino a una certa soglia. È l'idea che l'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno ha sottoposto oggi agli imprenditori intervenuti al convegno 'Infrastrutture e mercato dei lavori pubblici - Il futuro del territorio Brianteo', organizzato da Assimpredil Ance, alla Camera di commercio di Monza.

"Pedemontana si farà per intera, per lotti e come previsto - ha detto l'assessore -, ma adesso bisogna pensare anche a far continuare i cantieri delle opere cosiddette 'minori', che fanno lavorare le imprese del territorio, quelle Pmi che sono alla base della nostra economia. Bisogna intervenire soprattutto laddove i Comuni non riescono a causa del Patto di stabilità anche per quanto riguarda la manutenzione: è inutile continuare a costruire grandi opere, se poi ci sono gallerie che crollano, come il caso della SS 6, e voragini nelle strade".

"Per fare partire le piccole opere - ha ricordato Del Tenno - Regione Lombardia ha concesso ai Comuni una proroga per la realizzazione dei Piani di governo del territorio, rendendosi disponibile ad aiutare le piccole Amministrazioni nella loro stesura".  In provincia di Monza e Brianza sono 14 i Comuni ancora sprovvisti di questo strumento urbanistico, 171 i cantieri bloccati, per un valore di quasi 36 milioni di euro.  In base a uno studio di Ance, questa proroga sbloccherebbe 3000 cantieri in Lombardia, per un valore di 500 milioni di euro.


Regione Lombardia vara un piano da 31 milioni di euro per l'estensione della Banda larga e ultralarga attraverso interventi infrastrutturali di posa di fibra ottica. "Entro la fine di giugno - spiega l'assessore regionale all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi - la Lombardia avrà quasi azzerato il digital divide come conseguenza dei progetti avviati nel 2011. Non ci accontentiamo, tanto che abbiamo appena licenziato ulteriori interventi del valore di 28,4 milioni di euro. E già guardiamo al futuro: sono ai nastri di partenza progetti pilota per la banda ultra larga del valore di 2,63 milioni".

È tutto, grazie per l’ascolto