Bentrovati a un nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Presentato “Credito in cassa”, uno strumento voluto dalla Giunta Lombarda per rispondere al bisogno di liquidità delle imprese del territorio e per sbloccare gli investimenti degli enti locali, mettendo a disposizione un miliardo di euro per il pagamento dei debiti scaduti. L'Assessore all'Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia ha spiegato il funzionamento del meccanismo per le imprese creditrici, e ha colto l'occasione per tornare a sottolineare come Regione Lombardia, invece, non abbia debiti insoluti.

(AUDIO)

"Vediamoci chiaro". E' il nome del gruppo di lavoro, formato dai rappresentanti dell'Osservatorio regionale del Commercio, che avrà il compito di definire la metodologia di raccolta dei dati su vendite promozionali e saldi. Si è costituito a Palazzo Lombardia, nel corso della seconda riunione della Conferenza  permanente dei rappresentanti dell'Osservatorio, su richiesta dell'assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia, Alberto Cavalli. Un'iniziativa che si è resa indispensabile al termine della fase sperimentale della legge regionale del 7 giugno 2012, durante la quale veniva abolito il divieto di vendite promozionali nei trenta giorni antecedenti i saldi.

La Giunta di  Regione Lombardia, su proposta dell'Assessore alle Culture, Identità e Autonomie Cristina Cappellini, ha approvato una delibera in cui si stanziano oltre due milioni di euro per valorizzare l'identità culturale lombarda. Quattrocentomila andranno per la concessione di contributi di promozione educativa e culturale così ripartiti: 300.000, euro  per progetti di promozione e valorizzazione di attività culturali di rilevanza regionale; 100.000 euro  per progetti di valorizzazione delle identità culturali e diffusione delle conoscenze delle tradizioni e della memoria riguardanti le comunità locali della Lombardia; 450.000 euro per la concessione di contributi a favore di biblioteche e archivi storici di enti locale o di interesse locale. I restanti  1.150.000 euro andranno per la concessione di contributi a favore di musei di enti locali o di interesse locale, sistemi museali locali e reti regionali di musei  così suddivisi: 513.000 euro per convenzioni finalizzate all'attuazione di progetti speciali di interesse regionale, 637.000 euro per bandi o inviti per la selezione di progetti di musei, raccolte museali, sistemi museali locali e reti regionali di musei e 270.000,00 per la concessione di contributi per attività di musica e danza.

Ed è tutto grazie per l’ascolto.