Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Un gruppo di saggi per pensare una riforma del sistema socio sanitario lombardo. La commissione sviluppo e sanità, che sarà guidata dall'oncologo ed ex ministro Umberto Veronesi, si è insediata (oggi) e lavorerà per i prossimi 5 anni, fino alla fine della legislatura regionale. Avrà il compito di monitorare e dare suggerimenti alla Giunta Regionale per migliorare un sistema che è già un'eccellenza. Sentiamo il governatore Roberto Maroni.

-    audio –

Da un'area industriale in crisi ad un nuovo insediamento dove si affiancheranno attività produttive, commerciali e terziario, con un modello sperimentale che potrebbe essere da esempio per tante altre realtà analoghe in Lombardia. E' questo in sintesi il cuore del contratto di recupero produttivo delle Cartiere Pigna, lo storico marchio della Val Seriana, un'azienda già operante nel 1839, un pezzo di storia della bergamasca e una pagina importante del presente, con i suoi 300 posti di lavoro che questo accordo ha salvato e mantenuto negli impianti di Alzano. "Vogliamo che quest'area diventi un centro di eccellenza e che diventi un esempio per tutte le realtà produttive, e sono tante in Lombardia, che vivono una crisi, come modello su come recuperare il tessuto industriale, recuperarlo e rilanciarlo, guardando però al futuro". E' stato questo il primo commento del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni che ha voluto partecipare, insieme all'assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Claudia Maria Terzi, alla presentazione del contratto di recupero produttivo delle Cartiere Paolo Pigna, nel municipio di Alzano Lombardo, contratto finalizzato alla ristrutturazione dell'insediamento produttivo delle Cartiere e alla contestuale riqualificazione delle aree.

Una lettera al presidente del Consiglio Enrico Letta, ai ministri Angelino Alfano e Anna Maria Cancellieri, ai 101 deputati e ai 49 senatori eletti in Lombardia per dire basta al gioco d'azzardo patologico. Il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e l'assessore al Territorio e Urbanistica Viviana Beccalossi hanno inviato a Roma un appello per sensibilizzare i rappresentanti del Governo e delle Istituzioni. Sono stati inviati anche i testi del Progetto di Legge approvato dalla Giunta regionale e quello della Proposta di Legge al Parlamento, finalizzati a contrastare la ludopatia. "Fin dall'inizio del nostro mandato - spiega il presidente Maroni - abbiamo deciso di dedicarci a una tematica che è sempre più una emergenza sociale. Per affrontare nel migliore dei modi e in termini incisivi questa materia sono necessarie anche iniziative del Governo e del Parlamento. Da qui l'idea di coinvolgere ministri, onorevoli e senatori della nostra regione". "Le iniziative messe in campo da Regione Lombardia - afferma Viviana Beccalossi, che su questo argomento nei giorni scorsi aveva scritto anche una lettera al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - stanno suscitando grandi aspettative e hanno ampiamente superato i confini della contrapposizione politica. Sappiamo però di poter intervenire solo in determinati ambiti e senza una netta presa di posizione del legislatore nazionale questa battaglia non si può vincere".

A settembre i lavori per l'Arcisate Stabio subiranno una decisa accelerazione. Lo ha annunciato l'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno incontrando il Consigliere di Stato del Canton Ticino Michele Barra. Si è trattato di un importante momento di confronto su numerosi temi che coinvolgono in maniera diretta il territorio lombardo e quello del Cantone Ticino. "Dopo molte telefonate - spiega Del Tenno - abbiamo avuto l'occasione di incontrarci di persona e di confrontarci su questioni che stanno a cuore ai nostri territori". In particolare il ministro svizzero ha chiesto aggiornamenti sui lavori della tratta italiana della linea ferroviaria Arcisate Stabio. "I lavori procedono - precisa l'assessore - a settembre svolteranno. Un cambio di passo che ci permetterà di redigere un nuovo e definitivo cronoprogramma. Il fermo cantiere e alcune spinose questioni legate al movimento delle terre hanno rallentato la realizzazione dell'opera ma sono ancora ottimista sul fatto che il collegamento sarà aperto per Expo 2015".

È tutto, grazie per l’ascolto