Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Un milione di euro a disposizione, 2400 euro all'anno in aiuto a 500 genitori separati. Sono i numeri della delibera della Giunta Regionale che intende sostenere con un contributo economico i genitori separati o in fase di separazione residenti in Lombardia. Il provvedimento è stato presentato (oggi) dall'assessore alla famiglia, solidarietà sociale e volontariato Maria Cristina Cantù, che ha dichiarato che nei primi tre giorni di raccolta delle domande già cinquanta genitori hanno richiesto il sostegno. I dettagli nel servizio di Marta Zanella.

-audio-

"Affrontiamo questioni importanti, perché il Governo sta tagliando i trasferimenti agli Enti locali e sta mettendo a rischio la sicurezza. Noi ci facciamo carico di questi problemi, attraverso un seminario specifico organizzato dall'assessore Bordonali, mentre successivamente incontrerò i sindaci lombardi per parlare del patto di stabilità. Abbiamo trovato 212 milioni di euro da dare ai Comuni per alleviare il peso dei vincoli del Patto di stabilità". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni a margine del seminario 'I sindaci, i rischi prevalenti e la sicurezza del territorio', in corso a Varese. Conversando con i giornalisti prima dell'inizio dei lavori, il governatore ha voluto ricordare l'attenzione della Regione nei confronti del tema sicurezza. "Il governo centrale, soprattutto durante l'Esecutivo guidato da Mario Monti, ha cancellato molte norme utili al territorio che avevo fatto da ministro dell'Interno", ha osservato Maroni, sottolineando che la Regione "sta mettendo a disposizione non solo risorse, ma anche capacità e iniziative specifiche, perché l'obiettivo è garantire maggiore sicurezza a tutti i cittadini lombardi".

 Defibrillatori sulle volanti e corsi di formazione per l'intervento per gli agenti delle forze dell'ordine per avere un soccorso ancora più tempestivo e nella maggior parte dei casi, come elencano le statistiche, decisivo nel salvare l'infartato. E' questa la sperimentazione che hanno deciso di avviare l'Azienda Ospedaliera di Lodi e la Questura locale. Un protocollo siglato a Lodi, alla presenza di tutte le autorità istituzionali. "Questo del primo soccorso agli infartati è un compito che le forze dell'ordine prendono in carico pur non spettandogli e assumendosi così una responsabilità ulteriore a quelle che già hanno e per questo li voglio ringraziare di cuore". Lo ha affermato il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, intervenuto a Lodi per la sottoscrizione del protocollo d'intesa del 'Progetto Cuore, Lodi e Vita' per la formazione degli operatori della polizia di Stato e la dotazione a bordo delle volanti di defibrillatori per un soccorso ancora più tempestivo alle vittime di arresto cardiaco.

Entro l'inizio del prossimo anno scolastico sarà realizzata almeno una delle due carreggiate del viadotto di San Felice di Segrate. Lo ha annunciato l'assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Maurizio Del Tenno, al termine del Collegio di Vigilanza sulla Brebemi. "In questo modo - ha spiegato l'assessore - potrà essere risolto uno dei nodi più critici e, allo stesso tempo, sarà resa più fluida la circolazione lungo la Rivoltana. La presenza di una sola corsia per senso di marcia rimarrà fino a fine 2013". "Entro giugno 2014 - ha continuato l'assessore - si potrà avere una nuova strada completamente riqualificata e potenziata con notevoli benefici sia per le popolazioni residenti che per il traffico di media e lunga percorrenza che potrà utilizzare un'arteria moderna e funzionale". "Per ridurre il numero di veicoli sulla Rivoltana -ha concluso Del Tenno - Regione Lombardia, d'accordo con Trenord, potenzierà il servizio ferroviario lungo la tratta da Treviglio a Milano

È tutto, grazie per l’ascolto