Bentrovati a questo nuovo appuntamento informativo, realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Incontro questa mattina a Milano tra il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, e il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia. Un incontro programmato da tempo e con tanti argomenti sul tavolo, tra cui anche il tema della Città della Salute di Sesto San Giovanni, progetto da cui – ha riferito Maroni - Palazzo Marino si è chiamato fuori. “Pisapia mi ha detto di non essere interessato a partecipare all'Accordo di programma sulla Città della Salute. Quindi il Comune di Milano si sfila ufficialmente da questo progetto". Parlando con i giornalisti in Consiglio regionale, dove oggi è in corso il dibattito sul Bilancio, Maroni ha comunque fatto sapere  che in merito alla Città della salute la decisione di Palazzo Marino "non cambia nulla”. “Sapevo della contrarietà del Comune – ha detto Maroni - ma noi andremo comunque avanti in quella direzione". All’incontro si è parlato anche di cultura. Regione e Comune hanno deciso di prendere delle iniziative comuni, come quella per contrastare la misura del Governo che vuole tagliare alla Lombardia fondi del Fondo unico dello spettacolo per darli al Lazio". "E' una cosa inaccettabile - ha concluso Maroni - per la quale io e Pisapia abbiamo deciso di fare un'azione comune nei confronti di Palazzo Chigi e del Parlamento."

È stato firmato il protocollo d'intesa per sostenere le imprese creditrici verso le pubbliche amministrazioni. Con questo accordo Regione Lombardia, Finlombarda, l’Associazione nazionale dei Comuni d'Italia Lombardia e l’Unione delle Province lombarde hanno sancito ufficialmente la propria collaborazione per realizzare il provvedimento che porta il nome di 'Credito In-Cassa', sbloccando un miliardo di euro per le imprese. La nostra Irene Taverna ha chiesto all'Assessore regionale alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione, Mario Melazzini, a chi si rivolge, nel dettaglio, questa iniziativa. Sentiamo…

AUDIO

“Tutte le iniziative di contrasto al gioco d'azzardo patologico, a qualsiasi livello istituzionale, sono le benvenute. Possiamo dire che in questi giorni sta nascendo una vera e propria task force contro le ludopatie". Così Viviana Beccalossi, assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo, incaricata dal Governatore Roberto Maroni di coordinare il gruppo di lavoro che ha portato all'approvazione in Giunta di un Progetto di legge per contrastare proprio il gioco d’azzardo. A questo si è aggiunta una Proposta di legge al Parlamento, che completi l'azione di prevenzione e contrasto, ampliandola alle competenze dello Stato. "L'appello lanciato una settimana fa al presidente Letta, ai ministri competenti e a tutti i parlamentari eletti in Lombardia - ha detto Beccalossi - sta dando i suoi frutti: in questi giorni sono stata contattata da deputati e senatori di diverso colore politico interessati a sostenere la nostra Proposta di legge contro gli eccessi del gioco d'azzardo". Il Progetto di legge della Regione Lombardia fissa, tra l'altro, una distanza minima di 500 metri delle sale gioco dai luoghi sensibili come scuole, ospedali, centri di aggregazione giovanile; coinvolge le Asl e le associazioni dei consumatori per le attività di prevenzione e cura; obbliga alla frequenza di corsi i titolari delle sale gioco, ai quali viene rilasciato, al termine, un apposito patentino. La Proposta di legge in Parlamento, invece, chiede lo spegnimento a un'ora precisa dei server nazionali che regolano il gioco e l'uso della Carta sanitaria nazionale per impedire ai minori di accedere alle macchinette.

Giovedì pomeriggio Palazzo Lombardia ospiterà gli “Stati Generali della Ricerca e dell’Innovazione”, un momento di dialogo e confronto sulle attività avviate da Regione Lombardia negli ultimi anni, sintetizzate soprattutto dal Documento Strategico per la Ricerca e l’Innovazione, ma anche con uno sguardo proiettato ai nuovi documenti programmatori in corso di realizzazione. Saranno presenti, oltre ai vari relatori, anche l’assessore regionale alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione, Mario Melazzini, e rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e della Commissione Europea. La partecipazione agli Stati Generali è libera e gratuita; occorre, però, registrarsi, inviando un’e-mail all’indirizzo StatiGenerali2013@regione.lombardia.it

La Giunta della Regione Lombardia, presieduta da Roberto Maroni, ha approvato oggi la proposta di designazione di Benito Benedini alla presidenza della Fondazione Ente autonomo Fiera internazionale di Milano. Benedini, milanese, classe 1934, Cavaliere del Lavoro, è presidente del gruppo "Sole 24 Ore". Raggiunta anche un’intesa tra Regione e Comune di Milano sul nome per la vicepresidenza, che dovrebbe andare alla manager Gianna Martinengo, proposta proprio da Palazzo Marino. Le nomine saranno portate in consiglio regionale nella seduta del prossimo 30 luglio.
È tutto, grazie per l’ascolto