Ben trovati al nostro nuovo appuntamento  informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia


“La Regione giocherà un ruolo da protagonista per la promozione dei contenuti dell'Esposizione universale di Milano di cui finora non si è parlato”. Lo annuncia il presidente Roberto Maroni a margine della presentazione del programma di sviluppo regionale alla parti sociali a Palazzo Lombardia, che anticipa una notizia...

- AUDIO -

Istituire un 'patto di brescianità'. Ossia una sorta di Tavolo permanente dedicato alle questioni provinciali. Questa la proposta fatta dagli assessori regionali al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo e alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione ai rappresentati del Tavolo territoriale di confronto, a margine della presentazione del Piano regionale di sviluppo, a cui hanno assistito in collegamento video con Palazzo Lombardia. "In un momento di crisi diffusa come quello che stiamo affrontando - hanno detto - incontri frequenti non possono che portare benefici a tutti". Incontri che non devono essere il luogo in cui "sfogare" lamentele e carenze, ma momenti di confronto, che possano servire a condividere esperienze e trovare soluzioni. Gli assessori hanno ricordato l'importanza e la strategicità di questo tipo di lavoro anche a fronte della soppressione delle Province prevista con l'inizio del prossimo anno. Province che hanno deleghe precise e importanti che, per forza di cose, dovranno essere trasferite, e quindi affrontate, da altri. Una nuova riforma della sanità lombarda attraverso la rivisitazione della legge 33 (con l'elaborazione di una proposta di legge già entro luglio); un "segnale forte" sulle liste d'attesa, che sono ulteriormente da ridurre; la rimodulazione dei ticket; il riordino della rete di offerta; un'attenzione particolare da dedicare alla cronicità, all'uniformità degli standard e alla prevenzione. Sono queste le principali linee di lavoro su cui Regione Lombardia intende impegnarsi da subito nel campo della sanità. Le hanno annunciate e spiegate il presidente della Regione e il vice presidente e assessore alla Salute, incontrando a Palazzo Lombardia i direttori generali delle Asl. In particolare, per quanto riguarda la riorganizzazione degli ospedali si parla di ridestinazione. Il vicepresidente lombardo, Mario Mantovani...

- AUDIO -

"Accelerare le procedure burocratiche, per arrivare all'apertura dei cantieri della Cassanese bis il prima possibile". È l'impegno preso dall'assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia, durante un incontro di confronto sull'Accordo di programma Segrate-Cassanese bis, alla presenza dei rappresentanti degli Enti locali, (Comune di Segrate e Provincia di Milano) e dei vertici dell'azienda australiana Westfield. La Cassanese bis è un intervento inserito tra le opere strategiche nazionali e rappresenta un tratto di collegamento indispensabile tra la Brebemi e la città di Milano e consentirebbe un efficientamento del Terminal intermodale di Segrate, oggi sottoutilizzato, oltre all'opportunità di attrarre un ingente finanziamento da parte dell'azienda australiana Westfield, disposta a investire in Regione Lombardia oltre un miliardo di euro. L'assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile della Regione Lombardia ha annunciato, a margine della presentazione del Programma regionale di sviluppo (Prs) - che ha seguito dalla Sede territoriale regionale di Bergamo - che, lo scorso mercoledì 8 maggio, il Consiglio di Stato si è espresso nuovamente sul Piano Cave della Provincia di Bergamo, respingendo l'istanza di sospensiva di una precedente sentenza del Tar sul medesimo oggetto. "Questa decisione - ha affermato l'assessore - ha aperto la strada a un'ormai prossima pronuncia del Tar Brescia, che permetta a Regione Lombardia di sostituirsi, con poteri commissariali, alla Provincia di Bergamo nell'autorizzazione delle attività estrattive e nella revisione del Piano stesso. È il primo passo concreto, finalmente, per il superamento di problemi che si trascinano ormai da anni".  Circa la presentazione del Prs l'assessore ha detto che "è stato un momento importante per l'avvio di questa nuova Giunta regionale, che ho voluto condividere con i rappresentanti del mio territorio".

È tutto, grazie per l’ascolto