Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Primo intervento ieri del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni nell'Aula consiliare ispirato alla concretezza delle tre proposte avanzate: la nascita di una Commissione antimafia, la costituzione del Comitato previsto dalla Legge di controllo degli appalti pubblici e, a breve termine, l'adesione ad 'Avviso pubblico', l'associazione nata nel 1996 con l'intento di creare una rete tra gli amministratori pubblici che concretamente si impegnano a promuovere la cultura della legalità. Occasione speciale, la celebrazione della 'Giornata regionale dell'impegno contro le mafie e in ricordo delle vittime', istituita con una legge approvata dal Consiglio nel 2011. Sentiamo Maroni

(AUDIO)

In apertura degli 11 minuti di intervento pubblico Maroni ha ricordato il capo della Polizia Antonio Manganelli, scomparso mercoledì a Roma. 'È stato una bandiera nella lotta a tutte le mafie. Con lui ho condiviso l'esperienza di ministro dell'Interno per 3 anni e mezzo. È stato un punto di vista straordinario nel contrasto alla piccola e alla grande criminalità ed è riuscito a fare cose straordinarie con la cattura dei boss latitanti e l'aggressione ai patrimoni illeciti'.

Altro punto fondamentale della strategia regionale contro la criminalità organizzata, già indicata nella Legge del 2011, è il recupero dei beni confiscati. 'L'uso sociale è un segnale straordinario - ricorda Maroni -. Quella casa in cui si svolgevano le riunioni dei mafiosi può diventare un centro culturale e un luogo destinato ai giovani affidato agli amministratori. Questa è la via che intendo continuare a seguire in Lombardia, avendo iniziato a farlo da ministro dell'Interno'. Ultimo anello dell'azione è l'impiego del Fondo regionale di prevenzione del fenomeno dell'usura e di solidarietà alle vittime, previsto dalle normativa del 2011.

'Sono profondamente commosso per la scomparsa di Pietro Mennea. Con lui non abbiamo perso solo un grandissimo uomo di sport e un pezzo della storia dell'atletica mondiale ma, soprattutto, un esempio eccezionale di tenacia, forza e voglia di vivere'. Questo il commento dell'assessore regionale allo Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi, dopo aver appreso la notizia della scomparsa di Pietro Mennea.

La Giunta regionale ha assunto la delibera, in cui si prevede il taglio del 10 per cento delle spese delle segreterie per ciascun componente dell'Esecutivo. Per il 2013 tali spese sono riproporzionate alla durata dell'anno. Inoltre la dotazione finanziaria per le spese di rappresentanza e di funzionamento è ridotta del 30 per cento rispetto a quanto stabilito per il 2012. Per le missioni all'estero sarà necessario avere una preventiva autorizzazione del presidente. Roberto Maroni ha annunciato che, in qualità di consigliere regionale della Lista Maroni, presenterà in Consiglio regionale una proposta di legge per cambiare l'attuale norma sui rimborsi dei consiglieri.

Sulla vicenda del terremoto che ha colpito, nello scorso mese di maggio, la provincia di Mantova il presidente Maroni sarà direttamente responsabile degli aspetti legati alla ricostruzione. Ha invece affidato all'assessore alla Casa, Housing sociale e Pari opportunità Paola Bulbarelli il compito di stilare un rapporto sulle attuali necessità per risolvere le emergenze, sia quelle in capo alla Regione sia quelle in capo al Governo nazionale.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.