Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Incontro ieri a Milano fra il presidente di Regione Lombardia Maroni e il neo presidente dell’Inter Thohir. "Abbiamo parlato di molte cose – ha fatto sapere il governatore - fra le quali anche la nostra volontà di realizzare un importante impianto sportivo sull'area Expo una volta finita l'Esposizione universale. Thohir si è detto interessato. Non ha detto sì, ma nemmeno no. E questa era la cosa importante. Del resto, le strutture si inizieranno a costruire solo nella fase dopo-Expo, nel 2016. Ma è confortante sapere che questa è una prospettiva che l'Inter non esclude. Si tratta di una manifestazione di interesse che ho apprezzato e che valuteremo nei prossimi mesi". Durante il colloquio fra il presidente della Regione e l'imprenditore di Giacarta non si è parlato solo di calcio. "Abbiamo discusso anche dei rapporti fra Lombardia, Italia e Indonesia - ha continuato Maroni - e ho avuto modo di spiegargli quello che stiamo facendo per attrarre investimenti esteri sul nostro territorio".

Riaprirà sabato 23 novembre il MaGa, il Museo d'arte di Gallarate, chiuso dopo un incendio che il 14 febbraio scorso lesionò gravemente l'edificio. Riapre ora, a nove mesi dall'incidente, un'intera ala del museo, bonificata e riallestita grazie ai contributi del comune di Gallarate, di Fondazione Cariplo e della Regione Lombardia. Per l'occasione è stata organizzata una raccolta fondi tramite un'iniziativa che ha coinvolto 180 artisti. Sentiamo l'assessore regionale alle culture Cristina Cappellini

(AUDIO)

Seconda tappa ieri a Brescia degli Stati Generali dell'Ambiente. Oltre alla titolare dell’Ambiente Claudia Terzi, hanno partecipato ai lavori anche gli assessori bresciani Viviana Beccalossi (Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo) e Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione). Oltre 200 i partecipanti in rappresentanza di una settantina di istituzioni. "In base ai contributi pervenuti, abbiamo individuato cinque macro aree - ha spiegato l’assessore Terzi - paesaggio e aree protette (7 segnalazioni); gestione dei rifiuti urbani (16 segnalazioni); bonifiche (9 segnalazioni); servizio idrico integrato e qualità delle acque (12 segnalazioni); inquinamento atmosferico (9 segnalazioni). Abbiamo ricevuto anche contributi sul settore energia e reti, nonché su quelli relativi alle cave, la sostenibilità ambientale e le autorizzazioni".

"Il Governo si impegni a cancellare il Patto di stabilità, per consentire ai sindaci virtuosi e ai Comuni che hanno le risorse di poterle spendere per investimenti". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, che, ieri, ha incontrato una delegazione di primi cittadini e consiglieri regionali in rappresentanza degli oltre 200 fra borgomastri e amministratori che lo scorso 9 novembre hanno partecipato a una manifestazione, a Bergamo, contro il Patto di stabilità. Il governatore ha fatto sapere che, oggi in occasione dell'incontro che avrà con Enrico Letta a Milano, gli porterà "il documento approvato dall'assemblea dei sindaci due settimane fa a Bergamo, dove viene chiesto con molta chiarezza di intervenire subito sui vincoli imposti dalla Ue". "E' una posizione - ha ribadito Maroni - che condivido pienamente e, come Regione, in aggiunta a quanto avanzato dai sindaci, chiederò a Palazzo Chigi di dare attuazione a una norma già approvata e contenuta nella Legge di stabilità 2012, che prevede la regionalizzazione del Patto di stabilità".

L'assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi Partecipa oggi alla '19th Conference of the Parties to the UN Framework Convention on Climate Change', organizzata dalle Nazioni Unite nell'ambito della UNFCCC (United Nations Framework Convention on Climate Change), Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.