Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

E' di oggi il primo pagamento che un ente locale lombardo può effettuare a un'impresa creditrice grazie al provvedimento messo in campo da Regione Lombardia “Credito in Cassa”. L'impresa bergamasca di costruzioni guidata da Mauro Regazzoni ha infatti ottenuto il pagamento del credito di 472mila euro che aveva con il Comune di Foppolo. Lo strumento Credito in Cassa ha messo a disposizione delle imprese lombarde un miliardo di euro per il pagamento dei crediti che vantano nei confronti delle amministrazioni locali. Sentiamo il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni

-    Audio -


"Il sistema scolastico italiano non è più autoreferenziale, esistono reti orizzontali come i Poli tecnico-professionali, l'alternanza scuola-lavoro, i tirocini, l'apprendistato e le azioni di placement, che accompagnano gli studenti nella delicata fase di transizione tra il termine di un ciclo di studi e il successivo, indispensabili per un corretto orientamento post diploma. A questo sistema si aggiungono le filiere verticali rappresentate dagli Istituti Tecnici Superiori e dagli Ifts". Lo ha detto l'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Valentina Aprea, intervenendo oggi all'assemblea plenaria dedicata agli Its, organizzata nell'ambito delle iniziative che si svolgono a 'Job&Orienta', mostra-convegno nazionale su orientamento, scuola, formazione e lavoro.
 Ai lavori era presente anche Gabriele Toccafondi, sottosegretario di Stato del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, che ha sottolineato la straordinaria capacità degli Its di interpretare al meglio le esigenze delle aziende, che spesso sono coinvolte nelle Fondazioni che gestiscono questi percorsi formativi, in quanto costruiscono profili professionali specifici e di immediato assorbimento da parte del mercato del lavoro. Molti giovani, dopo il diploma presso gli Its, trovano con facilità contratti a tempo indeterminato presso quelle stesse imprese che li hanno ospitati come studenti e stagisti. "Ci vogliono passione e coraggio - ha detto Toccafondi - per uscire da questa situazione di crisi che, per i giovani, ha assunto dimensioni preoccupanti: disoccupazione oltre il 40 per cento, a fronte del fatto che, secondo i dati Unioncamere, ci sono in Italia 135.000 aziende che non riescono a trovare personale con qualifiche e requisiti adeguati".

"Il bilancio di Regione Lombardia, per quanto riguarda la tutela idrogeologica del territorio, prevede, per il biennio 2014/2015, investimenti pari a quasi 38,9 milioni di euro, ai quali vanno aggiunti i circa 16,7 milioni già erogati nei 6 mesi della Giunta Maroni e destinati a realizzare circa 50 interventi in tutte le nostre province". Viviana Beccalossi, assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo, nell'esprimere piena solidarietà e vicinanza alle popolazioni sarde colpite dalla sciagura dei giorni scorsi, interviene nel dibattito relativo alle politiche di salvaguardia del territorio nazionale.

"E' evidente a tutti, anche considerando le cifre che ho appena ricordato - ha proseguito l'assessore Beccalossi - che i soli 30 milioni previsti dal Governo nella Legge di stabilità per la tutela del territorio nazionale sono a dir poco irrilevanti. Credo quindi che, su questa materia, sia necessario agire anche sul versante normativo".

La Regione Lombardia, con una delibera di Giunta approvata oggi, su proposta dell'assessore all'Agricoltura Gianni Fava, ha concesso ai Comuni di Bardello, Caravate e Sangiano (in provincia di Varese) di derogare - seppure per limitati aspetti tecnici - alle 'Norme forestali regionali'. La delibera si è resa necessaria in seguito al passaggio dei Comuni di Bardello, Caravate e Sangiano dalla Comunità montana Valli del Luinese ai territori gestiti direttamente dalla Provincia di Varese, che ha dovuto redigere un Piano di indirizzo forestale (Pif) stralcio per i tre Comuni.

"Si tratta di una proposta di ordinaria amministrazione - commenta l'assessore Fava -. Di fatto la Provincia di Varese ha chiesto di concedere al nuovo Piano di indirizzo forestale le stesse deroghe a suo tempo già concesse per il Pif dell'intera provincia, relativamente alle misure di conservazione per i siti Natura 2000".

 Lunedì prossimo, 25 novembre, in tutto il mondo, si celebra la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. La Regione Lombardia ha deciso di festeggiare questa ricorrenza (voluta dall'Onu fin dal 1999) con una serie di appuntamenti che sono stati presentati questa mattina dall'assessore regionale alla Casa, Housing sociale e Pari opportunità Paola Bulbarelli.

Lunedì mattina  12 si insedierà il Tavolo permanente per la prevenzione e il contrasto alla violenza contro le donna previsto dalla Legge regionale n.11/2012, ma mai entrato operativamente in funzione. "Il Tavolo - ha spiegato Bulbarelli - sarà la sede permanente di interlocuzione tra la Regione e i soggetti che, a diverso titolo e per diverse competenze, operano sul territorio regionale, per contrastare il fenomeno della violenza nei confronti delle donne. In questa sede saranno definite le linee programmatiche e di intervento per affrontare e contrastare un fenomeno sempre più grave".

Il Tavolo sarà formato da 24 soggetti, 12 dei quali rappresenteranno le Istituzioni (sistema sanitario, Questura, Tribunale Enti territoriali, istituti scolastico regionale) e gli altri 12 il sistema associativo.

È tutto, grazie per l’ascolto