Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia.

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha sottoscritto ieri insieme al sindaco di Sesto San Giovanni, la convenzione per la creazione della Città della Salute e della Ricerca. Un'opera che – secondo il presidente Maroni – rappresenterà un progetto di eccellenza a livello europeo, in materia sanitaria, di cura e prevenzione, non solo un istituto clinico ma un polo di ricerca sanitaria pubblica. I lavori dovrebbero cominciare già a novembre con le bonifiche del sito preposto. Sentiamo ai nostri microfoni il governatore lombardo Maroni

(AUDIO)

"Il turismo in Lombardia batte la crisi e può compiere, grazie ad Expo, un passaggio decisivo diventando, come il settore manifatturiero, la finanza, l'agroalimentare e il commercio, un settore prioritario del sistema economico". Lo ha detto, ieri a Palazzo Reale, l'assessore al Commercio, Turismo e Terziario Alberto Cavalli, a margine di 'Expo tourist summit' il primo appuntamento con i tour operator mondiali per presentare l'Esposizione universale del 2015. In particolar modo l'assessore si è soffermato sull'importanza del ruolo ricoperto da 'Explora', l'agenzia per la promozione turistica del territorio lombardo, costituita da Regione Lombardia, Expo Spa, Camera di Commercio di Milano e Unioncamere Lombardia, in vista di Expo. "Non potevamo giungere a un appuntamento importante come Expo - ha sottolineato l'assessore Cavalli - senza aver ovviato a una mancanza nel 'sistema turismo', l'assenza di un'agenzia regionale per la promozione turistica. Questo è 'Explora', nel segno della piena collaborazione tra pubblico e privato, tra Regione e operatori economici, e costituisce la dimostrazione completa che Expo ci aiuta a compiere con immediatezza le scelte necessarie".

L'assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia Mario Melazzini ha incontrato ieri i rappresentanti sindacali e i lavoratori della Bames-SEM di Vimercate. In attesa delle decisioni del Tribunale di Monza riguardo la situazione delle aziende, Regione Lombardia si è detta pronta a mettere a disposizione tutti gli strumenti di cui dispone per sostenere i lavoratori e accompagnare un percorso di rilancio del sito produttivo, anche promuovendo l'area a livello internazionale, sfruttando le occasioni di attrattività offerte da Expo.

Sarà completato il Polo universitario di Lodi. " Le rassicurazioni giunte dall'Università degli Studi di Milano di voler confermare gli impegni inseriti nell'Accordo di programma e le conseguenti conferme ottenute dagli Enti locali ci spingono a proseguire nel rispetto degli accordi sottoscritti, verso il totale raggiungimento degli obiettivi prefissati entro il 2017”, osserva l’assessore regionale all’Agricoltura Gianni Fava. “Il completamento infrastrutturale, che sosterrà lo sviluppo del polo universitario, va nella direzione del rafforzamento della vocazione del territorio con l'aumento dell'offerta universitaria in materia di agricoltura e veterinaria”. La rassicurazione è giunta al termine dell'incontro di ieri, in Regione, per fare il punto sull'Accordo di programma per la realizzazione del Polo universitario e della Ricerca a Lodi. La riunione si è conclusa con la positiva condivisione delle parti di proseguire sulla base degli accordi sottoscritti che prevedono un investimento complessivo di 76.400.000 euro suddivisi tra i soggetti coinvolti.

L'assessore all'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi presenta oggi il progetto 'Fai ilpieno d'olio. Nuova vita per l'olio di frittura'.  Il progetto punta alla creazione di un "ciclo virtuoso" di gestione dell'olio da cucina, con il duplice obiettivo di incrementarne la raccolta differenziata e di promuoverne il riutilizzo, dopo la rigenerazione, come biocarburante nella flotta di mezzi usati per la raccolta dei rifiuti dell'area Martesana. 'Fai il pieno d'olio' nasce da un accordo tra Regione Lombardia, Provincia di Milano, Provincia di Monza e Brianza, alcuni comuni e aziende.

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.