Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Gestire insieme la tratta Milano-Verona-Venezia, garantendo una corsa ogni 60 minuti, usando sia i treni di Trenitalia che quelli di Trenord. E' questa la soluzione individuata nei giorni scorsi dall'Assessore lombardo alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno, e sottoposta a Trenitalia, che, dal punto di vista tecnico, l'ha giudicata solo parzialmente fattibile. L'assessore assicura che la Regione ha fatto il possibile, nei confronti dei pendolari e della Regione Veneto. Ci aggiorna sulla situazione proprio l'assessore Del Tenno, sentiamolo

-audio –

"Alla vigilia del Bicentenario verdiano propongo a tutti i Lombardi di lasciare un segno del loro amore per Verdi twittando una frase sull'account della Regione @LombardiaOnLine con l'hastag #amoverdi. Ognuno potrà scrivere quello che più ama del grande Maestro, che ha segnato una pagina fondamentale della storia e della cultura della nostra regione. Un omaggio semplice, che, da qui a giovedì, giornata d'inizio delle celebrazioni ufficiali, ci accompagnerà fino alla grande 'Maratona Verdiana' prevista per il 10 ottobre, dalle 17, all'auditorium Giovanni Testori di Palazzo Lombardia". Con queste parole Cristina Cappellini, assessore alle Culture, Identità e Autonomie ha lanciato l'iniziativa sul notissimo social network, per valorizzare quello che Regione Lombardia sta realizzando in occasione dell'importante anniversario.

"Questa è una manifestazione di grande rilievo e rientra in un circuito che fa, di quello lombardo, il polo fieristico più importante d'Europa". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, inaugurando l'undicesima edizione della Fiera campionaria di Varese. Ricordando il ruolo strategico di Fiera Milano, "che ha appena rinnovato i suoi vertici e che esercita una straordinaria azione di volano per la nostra economia", il governatore ha sottolineato l'importanza di fiere come quella del capoluogo bosino, sottolineando che, in Lombardia, "sono oltre 400 gli eventi che vengono realizzati ogni anno". "Sono - ha detto - una ricchezza straordinaria e il loro successo è la dimostrazione che le fiere sono importanti per la promozione e il sostegno alle imprese".

 Le fibrillazioni che stanno riguardando il Governo nazionale in questi giorni non incidono sul rapporto fra Palazzo Chigi e Regione Lombardia. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni prima di partecipare all'inaugurazione dell'undicesima edizione della Fiera di Varese. "Personalmente - ha osservato il governatore - ho un ottimo rapporto con alcuni esponenti dell'Esecutivo. Non con tutti naturalmente, ma con alcuni c'è grande collaborazione. Con Maurizio Lupi, ad esempio, che vedrò nei prossimi giorni, stiamo lavorando molto sulla questione infrastrutture, uno degli impegni principali del mio mandato. Io voglio realizzare tutte le infrastrutture previste, a partire da Tem, Pedemontana e Brebemi, secondo i piani previsti". Rispondendo alle domande dei cronisti sulla riforma che riguarda le Province, Maroni ha detto di ritenere "indispensabile per la Lombardia" la sopravvivenza di un Ente intermedio. "Se il sindaco di Morterone, Comune con 39 abitanti, dovesse venire in Regione per qualsiasi problema - ha spiegato, facendo un esempio - non si risolverebbero più i problemi. Noi abbiamo chiesto che le Province siano sostituite da un livello intermedio, ma deve essere la Regione a decidere come organizzarlo. Allora può funzionare. Se invece tutto venisse di nuovo deciso solo a Roma, non avremo altro che un aumento delle spese".

È tutto, grazie per l’ascolto