Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Il basso livello che ha raggiunto l'istruzione rappresenta ''un'emergenza nazionale''. L'allarme arriva da una ricerca ''I numeri da cambiare'', realizzata da TreeLLLe e Fondazione Rocca con Assolombarda, secondo cui il sistema educativo italiano ''non è ancora in linea con quelli dei paesi competitor''. Tra tutte le regioni italiane, se la cavano meglio Lombardia e Puglia, ma non è il caso di accontentarsi. "Il sistema di Formazione professionale lombardo - ha dichiarato Valentina Aprea, assessore regionale a Istruzione, Formazione e Lavoro - ci consente di competere a livello europeo. Per favorire un maggiore dialogo tra scuola e lavoro, abbiamo investito sugli Istituti tecnici superiori e sugli Ifts con percorsi negli ambiti della mobilità sostenibile, nuove tecnologie della vita, nuove tecnologie per il made in Italy, tecnologie dell'informazione e della comunicazione". Sentiamo ai nostri microfoni l'assessore Aprea

-    Audio -

E' stato firmato oggi in Regione l'accordo tra RFI e ICS per la ripresa dei lavori dell'Arcisate-Stabio.  "L'Accordo - scrive una nota di Regione -  risponde all'esigenza di ultimare nel più breve tempo possibile la realizzazione dell'opera, al fine di risollevare il territorio dall'attuale situazione di disagio e di onorare gli impegni che l'Italia ha assunto con la Svizzera, garantendo tempi certi di attivazione della linea ferroviaria".
 "L'Accordo (che comprende il crono programma dei lavori) - prosegue la nota - prevede il riavvio dei cantieri entro 7 giorni da oggi, dando priorità assoluta a tutti gli interventi necessari a ridurre i disagi della popolazione rispondendo così alle esigenze del territorio, laddove gli scavi risultano più invasivi".

Via l'amianto da gran parte delle scuole lombarde con finanziamento del 90 per cento dei progetti presentati, possibilità di intervenire con efficacia  sugli edifici scolastici da parte dei Comuni in quanto i mutui destinati ad adeguamento e nuove costruzioni possono essere accesi dalle amministrazioni locali in quanto al di fuori del Patto di Stabilità. Lo ha sottolineato l'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Valentina Aprea intervenuta in Consiglio regionale che oggi ha approvato la proposta di atto amministrativo (PDA) relativa agli interventi a favore del patrimonio scolastico per il triennio2013 - 2015 "Il punto di forza - ha detto Aprea -  è che rimetteremo nelle mani dei Comuni la possibilità di fare mutui agevolati e offriremo il supporto di Finlombarda. Stiamo studiando uno strumento finanziario innovativo con il quale rispondere alle esigenze della scuola".

Per rilanciare la competitività dei  territori e delle imprese della Lombardia "è indispensabile ragionare in ottica come minimo europea" e anche "incrementare notevolmente la partecipazione dei Governi regionali alle decisioni assunte a livello comunitario, che incidono profondamente sui rapporti economici e sociali a livello locale".  E' quanto ha detto l'assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia Mario Melazzini, intervenendo, in videoconferenza, agli Stati generali della Cgil Lombardia dedicati al tema 'Europa, Sviluppo, Cittadinanza, Sindacato'.    Ci sono fattori, è stato il ragionamento di Melazzini, che penalizzano il rendimento della Lombardia - scivolata al 128° posto, secondo l'Atlante sulla competitività 2013 della Commissione europea - e che riguardano l'intero Paese (burocrazia, tempi della giustizia e pressione fiscale). Altri indicatori, più direttamente riferibili al territorio regionale, al contrario "parlano di una Lombardia che ha tutte le potenzialità per essere annoverata tra le principali economie europee e mondiali: 25° posto nel ranking mondiale per Pil, 17° per il Pil pro capite, 32° posto nel ranking mondiale per valore delle vendite dei prodotti made in Lombardia all'estero (dati Oecd, Region at Glance, 2011)".

L'assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia Simona Bordonali, in qualità di presidente dell'Aineva (Associazione interregionale neve e valanghe) visiterà domani, mercoledì 23 ottobre, il centro Nivo Meteorologico di Arpa Lombardia a Bormio (Sondrio).  La titolare regionale alla Protezione civile, affiancata dal presidente della Provincia di Sondrio Massimo Sertori e dall'assessore provinciale alla Protezione civile Giuliano Pradella, incontrerà la stampa alle ore 14.30 per illustrare le attività e i prodotti informativi emessi del centro in mteria di neve e valanghe e per spiegare le modalità di elaborazione della proposta di bollettino.

È tutto, grazie per l’ascolto