Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Il  mercato della birra è, anche in Lombardia, un settore economico importante e la Regione  cerca di sostenerlo spingendo i produttori - anche quelli internazionali presenti nel nostro territorio - a utilizzare materie prime locali.  Lo ha dichiarato l'assessore regionale all'agricoltura Gianni Fava, partecipando a un evento su "birra e sostenibilità" organizzato  a palazzo Lombardia dal Gruppo Heiniken. Quello della birra, sia a produzione artigianale sia di grossa produzione industriale, è un settore che funziona e va tutelato perché garantisce stabilità anche in termini di posti di lavoro. Sentiamo l'assessore Fava.

- audio -

La Strada delle abbazie è un progetto culturale della Provincia di Milano che coniuga fede, storia, arte,  enogastronomia, promuovendo e valorizzando il territorio". L’ha detto  Cristina Cappellini, assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione  Lombardia, visitando le Abbazie di Mirasole a Opera e Chiaravalle a Milano,  dove era presente anche il presidente Roberto Maroni. Alle visite hanno preso  parte numerose autorità locali, tra cui gli assessori della Provincia di  Milano Stefano Bolognini (Turismo) e Luca Agnelli (Agricoltura), oltre al  sindaco di Opera Ettore Fusco. L’arte è legata alla fede - ha spiegato  l’assessore Cappellini - e questo percorso, che unisce le sette abbazie della  provincia di Milano, con la presenza dei monaci, è un grande valore  culturale e territoriale, che Regione Lombardia vuole sostenere sia in chiave  Expo sia per il dopo Expo". "Proprio pensando alla grande Esposizione del  2015 - ha aggiunto l’assessore - dobbiamo sempre di più mettere la cultura a  sistema e lavorare per coinvolgere quanti più soggetti possibile, per far  conoscere, promuovere e valorizzare le abbazie del territorio milanese, un  simbolo importante del territorio e che rappresentano solide basi per i  progetti culturali futuri". "Mirasole e Chiaravalle - ha concluso  l’assessore Cappellini - sono due autentici gioielli, che raccontano storie  di arte e di fede, rappresentano tesori e vetrine di prim’ordine per Milano e  la Lombardia in chiave Expo, ma, soprattutto, sono pietre vive, che  raccontano il nostro passato e le nostre radici e, come dice sempre il  presidente Maroni, devono essere valorizzate e promosse guardando alle nuove  generazioni".

Contenuti e opportunità offerte da Expo 2015 - che è "l'incontro di tutte le comunità internazionali sul tema più importante in questo momento a livello mondiale" - sono stati al centro dell'intervento tenuto a Tel Aviv da Fabrizio Sala, sottosegretario con delega a Expo 2015 della Regione Lombardia, in occasione dell'apertura di 'Watec 2013', fiera dedicata all'acqua e alle tecnologie applicate all'acqua tra le più famose e importanti al mondo. “In Israele - ha sottolineato Sala,  anche in rappresentanza del presidente Roberto Maroni - ho lanciato un messaggio di promozione per Expo. La presenza in Israele è particolarmente significativa: basti pensare che l'87 per cento dell'acqua di Tel Aviv viene riutilizzata. Questa e altre peculiarità sono molto importanti per la nostra manifestazione". "Anche il vice presidente della Commissione europea Antonio Tajani - ha aggiunto Sala - nel suo intervento ha voluto sottolineare questo aspetto". Israele è considerata una realtà di riferimento a livello internazionale nel campo dell'acqua e delle relative tecnologie (trattamento e recupero, irrigazione, desalinizzazione, ecc).

Lavorare per ridare un nuovo slancio all'Aeroporto di Montichiari. E' l'obiettivo che vuole perseguire la Regione Lombardia, mantenendo quello bresciano all'interno del sistema degli scali del Nord Ovest, che comprende Milano Malpensa, Milano Linate, Bergamo, Brescia, Torino, Cuneo, Genova, Aosta. Aeroporti che nel 2011 hanno fatto registrare un traffico di oltre 40 milioni di passeggeri, concentrati per l'88 per cento nell'area lombarda tra Malpensa, Linate e Bergamo Orio al Serio. In questo quadro Montichiari si trasformerebbe in un hub cargo fondamentale per il sistema. Sentiamo su questo l'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno.

-    audio –

"Sono particolarmente soddisfatta dell'approvazione dell'emendamento a prima firma del consigliere Fabio Rolfi al PdL Ambiente che obbliga chi propone discariche o impianti di termovalorizzazione a risarcire il territorio". A dirlo è l'assessore regionale all'Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Claudia Maria Terzi: "D'ora in poi, i Comuni saranno ulteriormente legittimati a stipulare convenzioni con i soggetti richiedenti che contemplino misure di compensazione o di risarcimento dei disagi a vantaggio della collettività. Da tanto i lombardi attendevano un provvedimento così coraggioso, la maggioranza che governa oggi la Lombardia ha dimostrato di avere questo coraggio". "Oggi - afferma Terzi commentando l'approvazione del Progetto di Legge - è stato sancito con una norma di legge il principio per cui non vanno realizzati più impianti di termovalorizzazione di quanti non siano necessari ai lombardi: le autorizzazioni devono dipendere dal fabbisogno presente e futuro di smaltimento. E, visto che la capacità è già più che sovradimensionata rispetto al fabbisogno e che quest'ultimo diminuirà grazie all'aumento della raccolta differenziata, le conseguenze per le autorizzazioni quanto ad ampliamenti e nuove autorizzazioni sono naturali: quello dato dai Consiglieri di maggioranza su proposta della Giunta è un vero e proprio stop".

E' stato firmato in Regione l'accordo tra RFI e ICS per la ripresa dei lavori dell'Arcisate-Stabio. "L'Accordo - scrive una nota di Regione - risponde all'esigenza di ultimare nel più breve tempo possibile la realizzazione dell'opera, al fine di risollevare il territorio dall'attuale situazione di disagio e di onorare gli impegni che l'Italia ha assunto con la Svizzera, garantendo tempi certi di attivazione della linea ferroviaria". "L'Accordo (che comprende il cronoprogramma dei lavori) - prosegue la nota - prevede il riavvio dei cantieri entro 7 giorni da oggi, dando priorità assoluta a tutti gli interventi necessari a ridurre i disagi della popolazione rispondendo così alle esigenze del territorio, laddove gli scavi risultano più invasivi".

È tutto, grazie per l’ascolto