Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia
Regione Lombardia sta lavorando perché la nomina di Capitale Europea della Cultura per il 2019 possa cadere su una città lombarda. In lizza, al momento, sono Bergamo e Mantova. L'assessore alle culture autonomie e identità Cristina Cappellini conferma che stanno procedendo i colloqui con i due sindaci e presidenti di provincia, impegnati a preparare il dossier di candidatura da consegnare entro il 20 settembre. Sentiamo l'assessore Cappellini

-    Audio -
"La Pedemontana rappresenta un'opera infrastrutturale fondamentale per il nostro territorio e sono lieto di vedere che le cose qui, in questo cantiere, procedono bene e i tempi vengono rispettati. Questa è un'opera che verrà completata nei tempi previsti, cioè nella primavera del prossimo anno". Lo ha spiegato il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni al termine del sopralluogo, svolto insieme all'assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità Maurizio Del Tenno, al cantiere di Gazzada della Tangenziale Est di Varese, uno dei tratti conclusivi della Pedemontana. "Ho voluto venire di persona in questo cantiere - ha commentato il presidente Maroni, dopo aver visitato la galleria in fase di conclusione e aver raccolto informazioni tecniche dagli ingegneri e dagli stessi operai - e lo farò con tutti gli altri cantieri delle opere che sono in via di realizzazione sul nostro territorio ovvero la Pedemontana, la Tem e la Brebemi. Continuerò ad andare in giro per i cantieri per controllare che tutto proceda secondo i piani stabiliti".

Un Patto per la tutela del territorio, tra Regione e Province, che porterà, entro la fine dell'anno, all'approvazione di due importanti leggi sulla difesa e sul consumo del suolo e, successivamente, alla modifica della Legge 12, che sovraintende al governo del territorio della Lombardia. L'idea è stata lanciata dall'assessore regionale al Territorio e Urbanistica Viviana Beccalossi, che ha incontrato, a Palazzo Lombardia, i rappresentanti delle Province. "La Giunta regionale - ha spiegato Viviana Beccalossi - si è data l'ambizioso obiettivo di dotarsi di nuove regole, in grado di garantire al territorio lombardo una gestione equilibrata, attraverso una serie di provvedimenti che permettano un uso razionale del suolo e di valorizzare le attività economiche senza penalizzare l'ambiente e il paesaggio". "La condivisione di questi temi con le Province - ha continuato l'assessore - è preziosa, perché il loro patrimonio di conoscenza del territorio è fondamentale in questa partita ed è per questo che non nascondiamo una certa preoccupazione per i segnali incerti sul loro ruolo e sul loro futuro, che in questo momento arrivano dal Governo".
 "Serve un percorso condiviso, per arrivare a un progetto che sia il meno impattante possibile sul territorio, nella consapevolezza della necessità di un'opera strategica non solo in vista di Expo, ma fondamentale al fine di potenziare la viabilità est-ovest a nord di Milano". E' l'auspicio dell'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno, che ha incontrato i sindaci dei Comuni interessati dalla realizzazione del collegamento Rho-Monza, nella tratta A8 (Baranzate) - A 52 (Bollate), opera per la quale è in programma la chiusura della Conferenza dei servizi per il 30 settembre prossimo. All'incontro erano presenti anche i consiglieri regionali del territorio e l'assessore alle Infrastrutture della Provincia di Milano Giovanni De Nicola. "Ho ascoltato la posizione dei Comuni - ha spiegato Del Tenno - e a loro ho chiesto senso di responsabilità di fronte a un'opera anche da loro ritenuta strategica. Dobbiamo lavorare tutti insieme, affinché si arrivi all'approvazione del progetto complessivo, al quale dovranno poi essere applicate le prescrizioni condivise con i sindaci. Non possiamo permetterci in questo momento di perdere i 55 milioni di euro stanziati dal Governo per la realizzazione del sottopasso Fnm Milano-Saronno a Novate/Bollate, che verrebbero tolti qualora il progetto non venisse approvato entro il 5 ottobre".

È tutto, grazie per l’ascolto