Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

La Giunta regionale ha approvato un pacchetto di iniziative per sostenere l'imprenditorialità lombarda. Riduzione del costo e dei tempi della burocrazia, rilancio della competitività e della attrattività territoriale, riduzione dei costi soprattutto per le nuove imprese, queste le misure che hanno anche lo scopo di contrastare la delocalizzazione delle nostre imprese verso il Canton Ticino. Sentiamo le parole del presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni

-    Audio -

E ancora nei giorni scorsi il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha partecipato al convegno organizzato a Torino dall'Aci (Automobile club d'Italia) sul Progetto HeERO, il sistema Ue di chiamate di emergenza eCall basato sul 112, il Numero unico di emergenza europeo (Nue). A partire da ottobre 2015, infatti, l'eCall sarà introdotto sui veicoli di nuova omologazione e con un'operatività basata proprio sul Nue 112. "In questo convegno - ha detto Maroni, ringraziando Aci per l'invito - si è parlato del futuro. Il 2015 è dietro l'angolo e sappiamo quanta fatica, quanto impegno, quante risorse ci vogliano per raggiungere risultati così ambiziosi. Guardiamo sì al futuro, ma senza dimenticare che, solo pochi anni fa, eravamo al trapassato remoto". Il governatore si è soffermato sull'esperienza del call center di Varese, il primo a diventare centrale operativa del Numero unico d'emergenza 112 (Nue) nel 2010, proprio su impulso di Maroni quando era ministro dell'Interno. "Era già stato fatto un tentativo in un'altra regione italiana - ha raccontato -, ma senza successo. Io ho preso le redini di questo progetto e ho convinto tutti gli attori interessati, partendo da Polizia e Carabinieri, a lavorare insieme". In quella fase, ha continuato Maroni, "fu fondamentale il ruolo della Regione Lombardia, allora guidata da Roberto Formigoni, che decise, non solo di aderire al progetto, ma anche di mettere a disposizione la sua capacità di aggregare le Sale operative (quelle del Ministero dell'Interno erano 3 per provincia, cioè 36 su tutto il territorio lombardo, ma la Regione le aveva già aggregate) e di mettere risorse: erano e sono infatti a carico della Regione Lombardia i costi per il personale, che sono circa il 70 per cento del costo della struttura di Varese".

Si terrà dall'1 al 6 ottobre, per la prima volta, la Settimana contro la violenza di genere. Il Coni Lombardia, insieme alla Regione Lombardia, ha voluto dedicate questa prima edizione a Yara Gambirasio, giovanissima aspirante atleta, con l'iniziativa "lo sport contro la violenza". Una serie di appuntamenti da Milano a Bergamo, dalla Marcia contro la violenza a Milano il 1 ottobre, al torneo di calcio nelle carceri di Opera, Bollate, Bergamo e Como, oltre a convegno, un torneo di calcio balilla, stage di autodifesa e anche un flash mob. Sentiamo la presentazione dell'assessore alle pari opportunità, casa e housing sociale Paola Bulbarelli.

"L'indicazione 'a semaforo' applicata per legge ai prodotti alimentari venduti in tutte le catene della Grande distribuzione organizzata inglese, che segnala il livello nutrizionale e dietetico di un prodotto, potrebbe essere esteso per identificare anche origine e qualità degli stessi. Diventando premiante per i prodotti italiani, che avrebbero il via libera, il verde appunto, sugli scaffali dei supermercati all'estero per l'alto livello qualitativo garantito dai nostri standard tecnologici di produzione". L'assessore regionale all'Agricoltura Gianni Fava ha avanzato  questa proposta, incontrando nei giorni scorsi a Londra - nell'ambito della missione istituzionale ed economica che vede coinvolte anche 12 aziende lombarde dell'agroalimentare - Richard Chachala, Deputy Director del Ministero per la Salute inglese. Tema dell'incontro, appunto, la normativa inglese sull'etichettatura 'a semaforo' dei prodotti alimentari, introdotta per fronteggiare le cattive abitudini - e i conseguenti disturbi e patologie - legate a un eccessivo utilizzo di prodotti calorici e ad alto contenuto di grassi industriali.

È tutto, grazie per l’ascolto