Bentrovati al nostro nuovo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

Expo 2015 è l'occasione per la Lombardia di farsi punto di riferimento davanti al mondo. È l'esortazione più volta rivolta dall'arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, in visita oggi (martedì 4 febb) al Consiglio regionale lombardo, e che il governatore Roberto Maroni ha dichiarato di voler fare propria, insieme ai  riferimenti alla sobrietà e al necessario mutamento degli stili di vita. “Ma è necessario anche concentrarsi sul futuro, lo sviluppo, la sostenibilità e la ricerca – ha detto Maroni nel suo saluto al cardinale Scola – Solo attraverso l'innovazione possiamo pensare a un avvenire sereno per il pianeta e al contempo puntare sul talento dell'uomo”. Sentiamolo dal suo intervento.

-    Audio -

"Abbiamo voluto prendere visione di quanto accaduto e valutare gli interventi opportuni da effettuare per evitare ulteriori disagi e mettere in sicurezza il luogo". Così, in una nota congiunta, gli assessori di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi (Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile) e Simona Bordonali (Protezione civile, Sicurezza e Immigrazione), che insieme al presidente della Provincia di Bergamo, Ettore Pirovano e ai Vigili del fuoco, hanno effettuato un sopralluogo a Ponte Giurino, frazione di Berbenno, interessata, nella notte di sabato, da una frana di 15.000 metri cubi di terra. Lo smottamento, che ha trascinato anche alberi e pietre, arrivando quasi all'imbocco di una galleria, ha invaso la provinciale della Valle Imagna che da Berbenno porta a Sant'Omobono Terme. A scopo precauzionale, sono state fatte evacuare 14 persone, che hanno trascorso la notte nella scuola materna del paese.


Arrivare a una definizione di dettaglio del prossimo Piano di sviluppo rurale, in attesa di capire che ne sarà delle Province e come sarà ridisegnato il rapporto con gli enti superiori. Ruota attorno a questi temi lo stato dell'arte del confronto sul Psr, secondo l'assessore regionale all'Agricoltura Gianni Fava, che ha incontrato i rappresentanti del gruppo Agricoltura in seno all'Upl. "Coinvolgiamo le Province anche se il percorso riformatore le sta mettendo in discussione - ha spiegato Fava, al termine dell'incontro -. Perché sono di fatto strumento operativo che esercita funzioni di controllo e con loro vogliamo condividere questa parte di Psr, come abbiamo fatto con organizzazione di categoria e sindacali". - Dopo il confronto in Conferenza Stato-Regioni, c'è dunque la necessità di arrivare a una situazione più definita: "Entro la fine di questo mese avremo probabilmente la bozza definitiva del documento da sottoporre alle parti - ha detto l'assessore - e per ora le Province confermano il ruolo fondamentale avuto sin qui, rappresentando il 'braccio operativo' in tema di agricoltura". "Non dimentichiamo che ci sono circa 250 persone sul territorio, che lavorano su una delega che potrebbe venire meno in funzione delle novità normative - ha ricordato Fava -. Avremo ancora la possibilità di delegare alle Province la competenza o le novità di legge la faranno tornare in ambito regionale, personale compreso? Una domanda a cui speriamo il Governo dia quanto prima una risposta".

"La realizzazione della Tangenziale Est Esterna di Milano procede secondo cronoprogramma. L'Arco Teem sarà aperto nel mese di giugno, in concomitanza con BreBeMi. La Tangenziale sarà invece completata per Expo 2015". E' quanto annuncia l'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno, che ha presieduto il Collegio di vigilanza di Teem. "Era da tempo che non veniva riunito questo importante Tavolo di confronto e aggiornamento - spiega Del Tenno -. Lo scorso 20 dicembre abbiamo formalizzato il closing finanziario dell'opera: i tempi erano maturi per convocare tutti i soggetti interessati dall'infrastruttura. Lo stato di avanzamento lavori dell'opera nel suo complesso ha superato il 35 per cento, mentre nello specifico l'Arco Teem ha superato il 71 per cento dei lavori. Il cronoprogramma è, quindi, rispettato". Durante il tavolo è stato sottolineato quale nodo da sciogliere il rapporto con Autostrade per l'Italia e la stipula delle convenzioni legate alle interconnessioni con la A4 e la A1. "Mi auguro che presto anche questa situazione possa risolversi" continua Del Tenno, che, durante l'incontro, ha ringraziato Stefano Maullu, che ha lasciato l'incarico di amministratore delegato di Te, a favore di Claudio Vezzosi, al quale l'assessore ha augurato buon lavoro.

È tutto, grazie per l’ascolto