Bentrovati a questo appuntamento informativo realizzato in collaborazione con Regione Lombardia

"Vorrei che una simile iniziativa si facesse anche da noi, perché chi governa deve sempre fare i conti con la realtà che cambia, per questo mi piacerebbe che simili referendum si facessero anche da noi, per sentire l'opinione del popolo sovrano. Ma quello della libera circolazione tra persone è un principio di civiltà acquisito e da cui non si può tornare indietro". Lo ha dichiarato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, in un'intervista rilasciata al giornale radio della Radio svizzera italiana.  "Una delle questioni cruciali nei rapporti tra i nostri due territori di confine - ha rilevato il presidente della Lombardia - è quella della questione fiscale: noi abbiamo una pressione fiscale elevatissima, che induce molti a cercare lavoro in Svizzera, nel Canton Ticino, quindi, come abbiamo fatto con la Carta sconto benzina, chiederò al Governo di concedere alla Lombardia la possibilità di istituire delle 'zone franche' dal punto di vista fiscale, per diminuire la pressione fiscale e quindi consentire al mondo delle imprese di pagare meno tasse e avere la possibilità di assumere". "Quella di abbassare la pressione fiscale - ha spiegato Maroni - è una possibilità che non ho come governatore della Lombardia, ma penso possa essere una soluzione e ne discuterò con Enrico Letta nei prossimi giorni".

“Il Lombardia Expo Tour sarà un viaggio per scoprire la Lombardia, le sue bellezze, le sue culture e le sue tradizioni". Così il cantautore Davide Van De Sfroos è intervenuto alla presentazione del tour organizzato dalla Regione Lombardia in tutti i capoluoghi di provincia lombardi per promuovere sul territorio le tematiche legate a Expo 2015. E proprio il cantautore comasco condurrà e si occuperà della direzione artistica degli eventi culturali che accompagneranno il tour in ogni tappa. In ogni città si terrà un concerto a kilometro zero, a partire dal progetto di Davide Van De Sfroos “Terra e acqua”, che vedrà però anche la presenza di artisti e musicisti locali. Si parte il 22 febbraio da Brescia per concludersi il 15 marzo del 2015 a Varese. Sentiamo ai nostri microfoni Davide Bernasconi

(AUDIO)

 Aumentano i fondi a disposizione per l’iniziativa Generazione Web, e passano da 7,7 a 15 milioni di euro per l'anno scolastico 2013-2014. Lo ha reso noto l'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Lombardia Valentina Aprea, intervenendo all'incontro 'A scuola di futuro - Il futuro della scuola: strategie e ambienti digitali di apprendimento', che si è svolto all'Auditorium Testori di Palazzo Lombardia. L'iniziativa - finanziata da Regione Lombardia inizialmente nell'anno scolastico 2012/13 con 7,7 milioni di euro cui si erano aggiunti 4 milioni da parte dello Stato (non confermati per quest'anno) - è rivolta a scuole statali, paritarie e centri di formazione professionale, per le classi del secondo ciclo. "Con i contributi regionali 331 scuole lombarde, pari al 52% del totale - ha detto l'assessore Aprea - hanno potuto acquistare e installare dispositivi hardware e software di uso collettivo (LIM, WI-FI) e individuale (tablet, e-book reader, pc). Sono state coinvolte 1.400 classi e 32.325 studenti".

"I dati emersi dall'analisi del quarto trimestre 2013 sulle aziende manifatturiere lombarde sono molto significativi. Il forte incremento della produzione industriale indica una dinamica positiva che ha pochi precedenti in questi ultimi anni e che ci fa ben sperare per il prossimo futuro. Forse finalmente stiamo uscendo dalla crisi". E' questo il commento dell'assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia Mario Melazzini, in merito ai risultati presentati oggi da Unioncamere Lombardia, relativi all'ultimo trimestre del 2013 dell'industria e dell'artigianato manifatturieri regionale, che registrano una crescita congiunturale della produzione industriale pari al 2,6 per cento. "E' bene evidenziare - ha aggiunto Melazzini- anche i dati degli ordinativi acquisiti dal mercato estero che, se pur in leggero rallentamento, permangono in territorio positivo, a conferma della forte competitività e attrattività delle nostre aziende fuori dai confini nazionali e di quanto il 'made in Lombardy' sia apprezzato in tutto il mondo".

Ed è tutto, grazie per l’ascolto.